“Mecenati di oggi per l'Italia di domani”: arriva l'Art Bonus, per donare alla cultura e risparmiare sulle tasse

L'Art Bonus consente un credito di imposta - pari al 65% dell’importo donato - a chi effettua erogazioni liberali a sostegno del patrimonio culturale pubblico italiano. L'elenco degli undici progetti padovani

Mecenatismo 2.0. Anche all'ombra del Santo: sono ben 11 i progetti individuati dal Comune di Padova e finanziabili con l'Art Bonus.

Che cos'è l'Art Bonus?

L'Art Bonus è un incentivo fiscale che consente una detrazione, fino al 65%, per chi effettua donazioni a sostegno del patrimonio culturale pubblico italiano (ai sensi dell'art.1 del D.L. 31.5.2014, n. 83, "Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo", convertito con modificazioni in Legge n. 106 del 29/07/2014 e s.m.i.). Cittadini e imprese possono fare donazioni dirette per il restauro di beni culturali e il sostegno dei luoghi della cultura ottenendo uno sconto fiscale da detrarre, in tre anni, dall'Irpef. In particolare il donatore (persona fisica o giuridica) potrà godere di un regime fiscale agevolato, nella misura di un credito di imposta pari al 65% delle erogazioni effettuate (ai sensi della legge di stabilità 2016). Approfondimenti sui benefici fiscali sono disponibili a questo link.

Cosa si può finanziare?

Il credito d'imposta è riconosciuto a tutti i soggetti che effettuano donazioni a sostegno della cultura e dello spettacolo previste dalla norma, indipendentemente dalla natura e dalla forma giuridica. Possono essere finanziati, anche in parte, interventi di: manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici; sostegno degli istituti e dei luoghi della cultura di appartenenza pubblica (es. musei, biblioteche, archivi, aree e parchi archeologici, complessi monumentali, come definiti dall’articolo 101 del Codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al Decreto Legislativo 22/01/2004 n. 42) delle fondazioni lirico-sinfoniche e dei teatri di tradizione; realizzazione di nuove strutture, restauro e potenziamento di quelle esistenti, di enti o istituzioni pubbliche che, senza scopo di lucro, svolgono esclusivamente attività nello spettacolo.

I progetti di Padova

Questi i progetti individuati dal Comune di Padova:

Statue in Prato della Valle - Isola Memmia, restauro, costo del progetto 1.116.300 euro; SCHEDA

Il Parco delle Mura, ristrutturazione primo stralcio da Codalunga al Torrione Buovo/Portello Vecchio, costo del progetto 6 milioni di euro; SCHEDA

Plesso scolastico Ardigò-Mameli, restauro con interventi sulla copertura, facciate esterne e restauro conservativo auletta situata nel cortile, costo del progetto 960mila euro; SCHEDA

Ristrutturazione del Caffè Pedrocchi, manutenzione e restauro, costo del progetto 236.680 euro; SCHEDA

Orologio di Palazzo della Ragione, restauro del meccanismo, costo del progetto 15.250 euro; SCHEDA

La Loggia e l'Odeo Cornaro, manutenzione straordinaria, costo del progetto 65mila euro; SCHEDA

Affreschi Casa del Petrarca, restauro, costo del progetto 141.764 euro; SCHEDA

Obelisco del Portello, restauro, costo del progetto 8.540 euro; SCHEDA

Torre degli Anziani, restauro conservativo, costo del progetto 800mila euro; SCHEDA

Oratorio San Michele, restauro e consolidamento, costo del progetto 190mila euro; SCHEDA

Cappella degli Scrovegni, restauro, costo del progetto 565mila euro. SCHEDA

Come effettuare le donazioni?

Il credito di imposta introdotto dall’Art Bonus spetta per le donazioni effettuate esclusivamente in denaro. È possibile effettuare il versamento esclusivamente tramite: banca; ufficio postale; sistemi di pagamento previsti dall'articolo 23 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e cioè carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari. In pratica, non possono beneficiare del credito d'imposta le donazioni effettuate in contanti, in quanto non offrono sufficienti garanzie di "tracciabilità".

Gli estremi di pagamento

I versamenti vanno indirizzati a sostegno dei progetti approvati dal Comune di Padova indicando questi estremi. Denominazione Ente: COMUNE DI PADOVA. IBAN: IT37 A030 6912 1171 0000 0046 009. Capitolo: 20009500 in caso di erogazione liberale acquisita dal Settore Gabinetto del Sindaco da ditta titolare di partita Iva; 20009505 in caso di erogazione liberale acquisita dal Settore Gabinetto del Sindaco ma, effettuata dal mecenate sprovvisto di partita Iva. Causale: "Art Bonus - Comune di Padova, ______________ (indicare il bene oggetto dell'erogazione liberale) - _____________ (nome intervento - opzionale) - cap. __________, codice fiscale o p. Iva del mecenate"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riferimenti

Ufficio Art Bonus, Settore Gabinetto del Sindaco - Comune di Padova. Referenti: Marco Fiorino, tel. 0498205463, email fiorinom@comune.padova.it; Loredana Cristini, tel. 049 8205233, email cristinil@comune.padova.it. Email gabinetto.sindaco@comune.padova.it. Responsabile del procedimento dott. Corrado Zampieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Live - Aumenta l'indice di contagiosità, botta e risposta Zaia-Crisanti

  • Live - Coronavirus, un nuovo decesso all'ospedale di Padova

Torna su
PadovaOggi è in caricamento