Accordo tra Università di Padova e Darsena di Chioggia: nasce la "Citizen Science" sul mare

Stretto un accordo della durata di quattro anni per promuovere attività di informazione e sensibilizzazione per i diportisti sul tema della conservazione del mare e della sua biodiversità

La Citizen science è un’attività scientifica condotta da un pubblico in collaborazione con scienziati o sotto la direzione di scienziati professionisti e istituzioni scientifiche. L’idea è quella di permettere a semplici cittadini di porre domande, fornire risposte su importanti questioni scientifiche, ma anche di indirizzare l’attenzione pubblica su questioni ambientali. Il Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova, con la sua sede di Biologia marina a Chioggia, e la Darsena Le Saline di Chioggia hanno stretto un accordo della durata di quattro anni per promuovere attività di informazione e sensibilizzazione per i diportisti sul tema della conservazione del mare e della sua biodiversità.

L'accordo

L’accorto consiste in visite al museo di Zoologia Adriatica Giuseppe Olivi, conferenze, produzione di materiale informativo per promuovere non solo l’adozione di buone pratiche per vivere il mare senza danneggiarlo, ma anche contribuendo alla sua conservazione attraverso attività di collaborazione. «Questo accordo – dice Carlotta Mazzoldi, responsabile dell’Università di Padova per le attività di biologia marina a Chioggia - costituisce l’avvio di una collaborazione importante. L’adozione di comportamenti che riducono l’impatto dell’uomo sugli ambienti, siano essi marini o terrestri, è legata alla conoscenza degli effetti che l’uomo ha sull’ambiente e dell’importanza di salvaguardare la biodiversità. Questa conoscenza verrà favorita dalle visite in museo, conferenze, e attraverso materiale mirato prodotto dall’Università insieme alla Darsena. Il coinvolgimento diretto dei diportisti in attività di collaborazione nella raccolta di dati e informazioni sul mare e sugli organismi che lo abitano, attività comunemente chiamate di Citizen science, promuoverà ulteriormente la consapevolezza della responsabilità di ognuno di noi nella conservazione del mare». Aggiunge Marco Boscolo Buleghin della Darsena Le Saline: «Sappiamo che il mare e la nostra laguna sono meravigliosi, affascinanti, danno emozioni uniche. Percepiamo anche la loro fragilità e l’impatto che l’attività umana può avere su questi ambienti naturali. La prevenzione e la fruizione corretta passano necessariamente attraverso la conoscenza dell’ambiente in cui ci si trova. Il protocollo d’intesa che Darsena Le Saline e Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova, con la sua sede di Biologia Marina in Chioggia, punta a rendere il diportista attore “consapevole” e positivo nell’osservazione e tutela dell’ambiente marino-lagunare; inoltre rientra tra le attività previste dal piano di politica ambientale della marina e nei criteri internazionali degli approdi turistici "Bandiera Blu - Blue Flag"».

Potrebbe interessarti

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Tumori, scoperto il meccanismo per il controllo della proliferazione cellulare

  • Ferragosto da bollino rosso sulle autostrade venete: giorni di traffico intenso

  • Infarto e ictus, team di ricercatori padovani trova la "porta" che diminuisce i danni al cuore

I più letti della settimana

  • Terribile frontale auto-moto, gamba amputata per i due centauri padovani: sono in pericolo di vita

  • Decide di farla finita lanciandosi dal terzo piano di un hotel del centro: tragico suicidio a Padova

  • Fermata e soccorsa mentre corre nuda in centro a Padova: «Sono sonnambula»

  • Drammatico incidente stradale nella Bassa: 36enne muore in ospedale per le gravi lesioni subite

  • Pedone falciato da un'auto all'altezza del cantiere: due i feriti

  • Ragazza padovana discriminata in spiaggia: denunciato l'ex gestore di Punta Canna

Torna su
PadovaOggi è in caricamento