Pattugliamenti e posti di blocco: controlli stringenti nell'Alta in vista di Pasqua

A Carmignano di Brenta, dove un imprenditore che vuole rimanere anonimo ha donato 20mila mascherine che verranno distribuite casa per casa dalla Protezione Civile

Controlli stringenti su tutto il territorio da parte di polizia locale e giacche verdi, con pattugliamenti e posti di blocco, per far osservare tutte le misure previste dai Decreti ma anche le ordinanze del Sindaco, tra cui quella che prevede l’obbligo di utilizzare la mascherina ogni qualvolta si esca di casa, firmata lo scorso 6 aprile: continua con ogni arma possibile la lotta al Coronavirus a Carmignano di Brenta, con l’ambizione di contenerne la diffusione per poter tornare il prima possibile alla normalità.

Ordinanza

Le ordinanze sindacali prevedono fino a Pasquetta compresa la limitazione della circolazione stradale veicolare e pedonale sulle strade Via Trento e Via Maglio; la chiusura di tutti i parchi pubblici, del percorso ciclo pedonale lungo e all’interno dell’argine del Fiume Brenta e dei cimiteri comunali e, infine, la sospensione del mercato settimanale del sabato. Resta però possibile la vendita di prodotti alimentari nei posteggi isolati, fatto salvo il rispetto della distanza di almeno un metro tra le persone. Commenta il sindaco Alessandro Bolis: «Il 6 aprile ho emesso un’ordinanza che prorogava fino a lunedì 13 aprile compreso tutte le misure già in vigore e comunque sino a ulteriori disposizioni emanate da parte degli organismi sovraordinati preposti alla tutela della salute pubblica. A queste se ne aggiunge una ulteriore: l’obbligo di utilizzare mascherine, ovvero dispositivi di protezione individuale o analoghi sistemi che abbiano le stesse finalità, per chiunque si trovi in area pubblica o ad uso pubblico, non solo nei negozi, in modo tale che tali dispositivi coprano in modo aderente naso e bocca. Oltre alla mascherina dovranno essere indossati i guanti sia dal personale di attività commerciali che manipola alimenti a contatto con il pubblico che da chiunque si rechi a fare acquisti all’interno degli esercizi commerciali del Comune. In caso di non ottemperanza la multa va da 25 a 500 euro».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

20.000 mascherine

Per facilitare l’adempimento di tale obbligo, il Comune provvederà da domenica 12 a martedì 14 aprile alla distribuzione gratuita a domicilio di mascherine chirurgiche, grazie al lavoro dei volontari della Protezione civile, che non conosce sosta neppure durante le festività pasquali. Le mascherine saranno anche in distribuzione dopo Pasqua nei supermercati. Spiega Andrea Bombonati, assessore alla protezione civile: «Questi nuovi dispositivi, 20mila in tutto, ci sono stati donati da un imprenditore di Carmignano che vuole rimanere anonimo e che ringraziamo. Si aggiungono alle 15mila mascherine chirurgiche consegnate gratuitamente a tuti i cittadini nelle settimane scorse».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Nuovi contagi anche nel Padovano, Luca Zaia avverte: «C'è poco da scherzare»

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Coronavirus, Zaia: «Nuovi positivi e isolamenti, indicatori non buoni: siamo nella "fase limbo"»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Rovesci e forti temporali in arrivo in tutto il Veneto: "allerta gialla" della Protezione Civile

  • Live - Aumenta l'indice di contagiosità, botta e risposta Zaia-Crisanti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento