Quattro chef padovani uniti per il pranzo di Pasqua alle Cucine Popolari: la splendida iniziativa

Domenica 12 aprile quattro importanti ristoratori padovani cucineranno per 250 persone in difficoltà presso le Cucine Popolari di Padova

I quattro cuochi impegnati nella spesa per il pranzo di Pasqua alle cucine popolari (foto Facebook)

Nel giorno di Pasqua, domenica 12 aprile, quattro importanti ristoratori padovani cucineranno per 250 persone in difficoltà presso le Cucine Popolari di Padova.

Cucine popolari

Lo chef patron Andrea Valentinetti del ristorante Radici insieme ai colleghi dei ristoranti 19.94 (Stefano Agostini), Tola Rasa - Luca Tomasicchio - e ad Enotavola Da Pino preparerà un menu di 4 portate (grazie al supporto del partner Despar) che sarà proposto in differenti turni per garantire il rispetto delle normative e la salute di tutti. Al termine del pranzo saranno degustate anche le colombe artigianali dei Maestri Pasticceri della provincia. L’appuntamento vedrà la presenza anche del Vescovo e del Sindaco di Padova.

Andrea Valentinetti

Seguendo il suo pensiero di cucina in cui il territorio occupa un posto centrale, lo chef Andrea Valentinetti per l’occasione preparerà un maccheroncino di pasta fresca con piselli e Asiago, un piatto con ingredienti tutti di provenienza regionale. Spiega lo stesso Valentinetti: «Un piccolo gesto che ci auguriamo possa dare gioia ai meno fortunati, specialmente oggi che le difficoltà a livello nazionale e mondiale si sono amplificate. Il merito di questa iniziativa va all’associazione Padova Non Si Ferma, che racchiude oltre 100 colleghi ristoratori della Provincia di Padova impegnati nel fare la propria parte per la nostra città e il nostro territorio, in un momento così particolare».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Padova Non Si Ferma

Padova Non Si Ferma è in prima linea dall’inizio dell’emergenza sanitaria e dal 16 marzo scorso prepara i pasti per i medici e gli infermieri del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Padova. Una prodigiosa staffetta di decine di persone autogestite rende possibile l’efficiente distribuzione agli ospedali di Padova e Piove di Sacco che fronteggiano l’emergenza coronavirus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto nella serata di domenica: morta una donna, centauro ferito

  • Coronavirus, Zaia: «Ecco la nuova ordinanza con le riaperture del 25 maggio e del primo giugno»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Gli cade addosso la fresatrice mentre la carica con un muletto: muore imprenditore

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi che tornano a salire

Torna su
PadovaOggi è in caricamento