Vicini ai malati di sclerosi multipla anche se lontani: partito il progetto "Video-chi-amiamo"

Nella Residenza sanitaria assistita Casa Breda a Padova, che ospita in residenziale 20 persone affette da Sclerosi Multipla, è partito il progetto grazie al quale gli ospiti possono tenersi in contatto costante con i propri familiari in un momento difficile per tutto il Paese

Nella Residenza sanitaria assistita Casa Breda - gestita dalla Nuova Sair - a Padova, che ospita in residenziale 20 persone affette da Sclerosi Multipla, è partito il progetto "Video-chi-amiamo" grazie al quale gli ospiti possono tenersi in contatto costante con i propri familiari in un momento difficile per tutto il Paese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto

Un sistema di video chiamata permette agli ospiti di Casa Breda e alle loro famiglie di continuare a vedersi e a sentirsi senza interrompere gli importanti legami affettivi. Spiega Assunta Ragosa, direzione scientifica Nuova Sair: «Si tratta di una iniziativa dal grande impatto umano e professionale: gli ospiti della struttura vivono e combattono da anni, se non da decenni, contro il dolore della separazione da affetti, chance di vita e possibilità di partecipazione attiva nella comunità. Tutto questo spesso esita in forme pericolose di alienazione e depressione. Mantenere invece vivo il legame e il contatto con gli strumenti attualmente possibili come le video chiamate ha un grande valore terapeutico: stimola il coinvolgimento emotivo, attiva interesse e memorie e consente loro di sentirsi parte integrante di una comunità che accoglie e rinsalda le loro radici. Sono momenti delicati in cui è cruciale la presenza di un operatore come l'educatore professionale esperto che conosce le storie di vita e le più adeguate modalità di comunicazione e relazione, la cui presenza garantisce agli ospiti un senso di protezione, supporto e sostegno. Una vera terapia dell'anima di grande respiro etico». Aggiunge Federica chiggio, educatrice Nuova Sair:
«Le reazionisono state tutte molto positive. I familiari, avvisati dell'idea, si sono detti entusiasti e per gli ospiti è sempre un momento emozionante: vedere il volto del proprio caro mette tranquillità perché possono vedere con i loro occhi che la vita va avanti, che la moglie sta cucinando per i figli, che il figlio sta curando il giardino. Vuole essere un segnale che tutto è come prima, seppur con limitazioni, ma che dietro a queste assenze non c'è qualcosa che si vuole nascondere. Per fronteggiare le emergenze più disparate siamo portati a trovare mille soluzioni, ma probabilmente questa modalità di interfacciarsi con i familiari potrebbe diventare un appuntamento fisso anche con lo scopo di riportare i nostri utenti all'interno delle loro case, seppur virtualmente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Le acque del Bacchiglione restituiscono un corpo. Accanto l'auto abbandonata

  • Coronavirus, Navalesi: «In Veneto il virus è clinicamente morto, oggi il problema è sotto controllo»

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

  • Live - Sangue sulle strade. Arrestato l'ex vicepresidente del Padova. Rogo sui Colli

Torna su
PadovaOggi è in caricamento