Da Santo a Santo, dalla Sardegna a Padova: la pedalata benefica contro i tumori cerebrali

L’intero ricavato dell’evento verrà destinato all’apertura di un bando grazie al quale il comitato scientifico della Fondazione – coordinato dal prof. Modesto Carli – sceglierà uno o più progetti di ricerca

La "Da Santo a Santo", una lunga pedalata di raccolta fondi contro i tumori cerebrali - circa 1200 chilometri in soli sei giorni - partirà il 3 giugno dalla Chiesa di Nostra Signora delle Grazie (Sanluri), per arrivare l’8 giugno alla Basilica di Sant’Antonio a Padova.

Fabio Celeghin

Protagonista di questa impresa ciclistica è Fabio Celeghin, 46 anni, vice presidente della Fondazione Giovanni Celeghin, amministratore delegato del gruppo veneto DMO Spa (titolare dei marchi Caddy’s, L’Isola dei Tesori, Beauty Star e Lob’s) e grande appassionato di ciclismo, come lo era il padre Giovanni.

Le scorse edizioni

Nelle scorse edizioni, ha pedalato, sempre con arrivo a sant’Antonio a Padova: da San Giovanni Rotondo, Foggia (2013); da San Gennaro, Napoli (2014); da San Rocco, Montpellier (2015); da San Pietro, Roma (2016); da Matera (2017); da Firenze (2018), per un totale di 5820 chilometri e 635 mila euro donati alla ricerca scientifica sui tumori al cervello.

Le tappe

Quest’anno il programma sarà:

02.06 - serata di raccolta fondi nella cantina Su’ Entu di Sanluri.

03.06 - partenza della pedalata: da Sanluri ad Oristano. All’arrivo, aperitivo raccolta fondi in collaborazione con CRAI.

04.06 – Oristano – Olbia (con imbarco per Civitavecchia)

05.06 -  Civitavecchia – Foligno. A Foligno il gruppo verrà accolto da una delegazione di ciclisti “eroici”, legati alla manifestazione ciclista di Gaiole in Chianti “L’Eroica”.

06.06 – Foligno – Gaiole in Chianti. A Gaiole, città dell’Eroica, evento di raccolta fondi con i ciclisti “eroici”.

07.06 – Gaiole in Chianti - Parma. Donazione del 5X1000 (2017) al reparto di oncoematologia dell’ospedale cittadino. La sera cena di raccolta fondi a Villa Malenchini.

08.06 Parma - Padova, dove i ciclisti arriveranno, dopo una volata di gruppo da Teolo, per la benedizione di fine pedalata alla Basilica del Santo di Padova. A seguire evento di chiusura con raccolta fondi e spettacolo di magia a Ca’ Battaja Belloni – Pernumia (per info e prenotazioni: info@fondazioneceleghin.it)

60509615_2136570899966245_1882454968649121792_o-2

Lo scopo benefico

L’intero ricavato dell’evento verrà destinato all’apertura di un bando grazie al quale il comitato scientifico della Fondazione – coordinato dal prof. Modesto Carli – sceglierà uno o più progetti di ricerca.

Fondazione Giovanni Celeghin Onlus

La Fondazione, nata dalla volontà dei figli di Giovanni Celeghin, Fabio e Annalisa – imprenditori padovani come il padre, fondatore del gruppo DMO Spa – è nata nel 2012 per sostenere la ricerca scientifica attraverso il finanziamento di progetti legati ai tumori cerebrali.

Fino ad ora sono stati finanziati e sono in corso di finanziamenti progetti, borse di studio, supporto psicologico per i malati e i loro care-giver, arredamenti di sale cure per oltre 1 milione di euro in vari ospedali, università e centri di ricerca italiani.

Con il patrocinio del Comune e della Provincia di Padova.

Per informazioni

(foto da sito https://www.dasantoasanto.it/)

Potrebbe interessarti

  • La Notte dei Colori, feste in piazza e sui colli, lirica e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • 10mila veneti colpiti da Linfedema. Sinigaglia: «Pazienti costretti ad andare all'estero per farsi curare»

  • «Ecco perché perdiamo forza durante l’invecchiamento»: la ricerca congiunta Vimm-Università

  • Veicoli storici: riduzione del 50% dell'imposta per i mezzi registrati fino al 2 marzo 2019

I più letti della settimana

  • Violento acquazzone nel Padovano: forte vento e grandine, alberi sradicati e strade allagate

  • Domenica di sangue: schianto tra due auto sull'argine a Codevigo, morto un 43enne

  • Tragico frontale sulla regionale 308: muore un parroco di 82 anni

  • Tragico schianto in moto alle Canarie: muore Andrea "Pizzi" Mazzin, 35enne padovano

  • Tragedia al maneggio, ucciso dal cavallo imbizzarrito. Il dramma ripreso da un collega

  • Infilzati, cotti e bruciati due tumori al fegato e al rene: intervento record in 20 minuti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento