Sostegno ai musei della provincia: due progetti finanziati dall’Unione Europea

Il co-finanziamento di 195.178 euro sarà devoluto favore di tre borse di studio e per realizzare attività di promozione, di impiego di nuove tecnologie e di formazione del personale museale

Europa Creativa ed Erasmus Plus, sono programmi che hanno finanziato due progetti complementari pensati per una gestione all’avanguardia dei musei di piccole dimensioni tramite i finanziamenti europei. I progetti sono stati presentati martedì 30 luglio alla presenza di Vincenzo Gottardo, vicepresidente della Provincia di Padova con delega alle Politiche Europee, Emiliano Bon, presidente associazione Xena, Centro scambi e dinamiche interculturali, Anna Di Muro, responsabile volontari associazione Xena, Enzo Moretto, direttore Butterfly Arc, i volontari: Ruth Coya dalla Spagna, Anna Morozova dalla Russia.

Avvicinare le persone alla cultura

L’obiettivo dei due progetti finanziati dall’Unione Europea è lo sviluppo dell’audience, soprattutto dei piccoli musei che sono i custodi dell’identità culturale di un popolo. Il lavoro dei partner di progetto si concentrerà sulla sensibilizzazione e l'avvicinamento delle persone alla cultura, all’arte, alle tradizioni, portandole alla comprensione del patrimonio culturale attraverso un percorso esperienziale.

«I piccoli musei sono i custodi dell’identità culturale di un popolo»

«Abbiamo fatto una mappatura dei musei della provincia di Padova – ha detto il vicepresidente Vincenzo Gottardo con delega alle Politiche Europee – e sono circa 80, la maggior parte di questi sconosciuti al territorio stesso. I piccoli musei sono i custodi dell’identità culturale di un popolo perciò sono realtà fondamentali per il territorio che vanno salvaguardate e sviluppate. Stiamo lavorando affinché i musei provinciali non siano soltanto esposizioni, ma veri e propri luoghi da vivere con animazioni, laboratori tematici, giochi e intrattenimenti pensati per far toccare con mano ai ragazzi le collezioni racchiuse in questi preziosi scrigni del sapere. La divulgazione di queste realtà è fondamentale perché contribuisce a mantenerle vive e laboriose. E’ un progetto importante non solo perché fa rete e sistema, ma valorizza le tipicità di un territorio che diventerà sempre più interconnesso a livello europeo».

Priorità: sviluppo dell’audience

Lo sviluppo dell’audience è una priorità del programma Europa Creativa, che MUS.NET MUSeum NETwork ha declinato con l’introduzione nei musei partner di nuove tecnologie e con servizi su misura per i visitatori, trasformando il ruolo del museo da luogo di conservazione e esposizione a spazio interattivo aperto allo studio, al tempo libero, all’istruzione. «L’obiettivo è ambizioso e stimolante – ha detto Enzo Moretto – perché è importante dare la massima diffusione soprattutto ai piccoli musei che oltre ad essere poco conosciuti, spesso sono in difficoltà economica. Sono diversi anni che con la Provincia di Padova stiamo guardando avanti, portando a casa progetti significativi e all’avanguardia. Gli obiettivi si raggiungono con fatica, ma stiamo guadagnando spazi significativi a livello nazionale sia per l’immagine che per la notorietà. L’esperienza interattiva con i giovani partirà dal basso e ci consentirà di rivedere l’organizzazione, le strutture e reinterpretarle».

Il finanziamento

Il co-finanziamento di 195.178 euro servirà a realizzare attività di promozione, di impiego di nuove tecnologie e di formazione del personale museale. Infine, grazie al programma Erasmus Plus verranno finanziate tre borse di studio, che offriranno l’ospitalità a tre giovani del Corpo Europeo di Solidarietà che si occuperanno della promozione dei musei attraverso l’informazione e la diffusione degli eventi per mezzo di newsletter, mailing list, sito web, social networks, contatti con i partner italiani e stranieri per favorire scambi di scolaresche e di visitatori. Il progetto consta di tre soggetti: la Provincia di Padova che ospiterà i volontari nei propri musei, Xena Centro di scambi e dinamiche interculturali che ha presentato il progetto e Butterfy Arc in qualità di gestore dei musei provinciali. «A livello locale – ha detto Emiliano Bon – Xena sostiene e coordina percorsi innovativi per catalizzare processi socio-culturali, creando reti e stimolando la partecipazione dei cittadini. Grazie a Mus.net sono giunti a Padova i primi volontari che rendono questo progetto interculturale, specie nell’ambito del settore multimediale, valorizzando le loro competenze e le loro esperienze».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una rete europea

I partner europei, distribuiti su Spagna, Polonia e Slovenia, svolgeranno le loro attività sia congiuntamente che separatamente. Tra queste, le attività di comunicazione, di noleggio attrezzature tecnologiche, la formazione e l'addestramento degli operatori museali, la sistemazione degli spazi museali in modalità user-friendly e attraverso l’utilizzo di speciali app. Il programma è teso a valorizzare le migliori prassi, intensificare le relazioni tra musei e comunità estendendo le attività ai gruppi sociali più vulnerabili o distanti, tra questi gli immigrati e gli ipovedenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: quattro morti in provincia di Padova, anche il custode di Villa Marin

  • Mascherine Grafica Veneta, da mercoledì 24 la distribuzione in 41 supermercati di Padova

  • «Chiudiamo i distributori a partire da mercoledì 25»: l'annuncio dei benzinai

  • Coronavirus, Zaia: «Si tornerà alla normalità, ma gradualmente. Non abbassiamo la guardia»

  • Pm10 alle stelle negli ultimi tre giorni a Padova e provincia: ecco le motivazioni

  • «Via libera alla vendita di piante e fiori»: boccata di ossigeno per 450 aziende padovane

Torna su
PadovaOggi è in caricamento