Pm10 alle stelle negli ultimi tre giorni a Padova e provincia: ecco le motivazioni

Il picco è stato registrato sabato 28 marzo dalla centralina di Granze con 142 µg/m3, ma ovunque i valori hanno superato di due volte il limite giornaliero. Arpav spiega il perché

«A partire da venerdì 27 marzo, le concentrazioni di Pm10 registrate dalla rete di monitoraggio della qualità dell’aria del Veneto sono state molto elevate, ben al di sopra del doppio del valore limite giornaliero. Sabato 28, caso molto raro, tutte le centraline della rete regionale hanno superato il valore limite giornaliero, raggiungendo la concentrazione più elevata a Ve-Sacca Fisola (147 µg/m3); le concentrazioni hanno oltrepassato i 100 µg/m3 in tutta la regione, tranne che nella zona alpina e prealpina. Domenica 29 marzo le concentrazioni di Pm10 si sono mantenute alte, con il livello più elevato registrato a San Bonifacio (185 µg/m3). Concentrazioni della stessa portata o maggiori sono state riscontrate anche in altre regioni, in particolare in Friuli, in Emilia Romagna e nelle Marche. Tutto questo in un contesto apparentemente favorevole alla dispersione degli inquinanti e in presenza, nei giorni precedenti, di concentrazioni di Pm10 sostanzialmente inferiori ai 20 µg/m3». Questo è solo l'incipit della lunga e dettagliata analisi prodotta da Arpav per spiegare gli elevatissimi livelli di Pm10 rilevati nel weekend.

I valori a Padova e provincia

Prima di proseguire, però, vi proponiamo i dati registrati negli ultimi tre giorni dalle otto centraline Arpav dislocate tra Padova e provincia:

  • Mandria: venerdì 27 marzo 102 µg/m3, sabato 28 marzo 105 µg/m3, domenica 29 marzo 121 µg/m3.
  • Arcella: venerdì 27 marzo 103 µg/m3, sabato 28 marzo 122 µg/m3, domenica 29 marzo 132 µg/m3.
  • Viale Internato Ignoto: venerdì 27 marzo 102 µg/m3, sabato 28 marzo 125 µg/m3, domenica 29 marzo 131 µg/m3.
  • Via Carli: venerdì 27 marzo 104 µg/m3, sabato 28 marzo 120 µg/m3, domenica 29 marzo 122 µg/m3.
  • Granze: venerdì 27 marzo 120 µg/m3, sabato 28 marzo 142 µg/m3, domenica 29 marzo 138 µg/m3.
  • Monselice: venerdì 27 marzo 110 µg/m3, sabato 28 marzo 124 µg/m3, domenica 29 marzo 134 µg/m3.
  • Este: venerdì 27 marzo 94 µg/m3, sabato 28 marzo 134 µg/m3, domenica 29 marzo 110 µg/m3.
  • Parco Colli Euganei: venerdì 27 marzo 87 µg/m3, sabato 28 marzo 128 µg/m3, domenica 29 marzo 105 µg/m3.

Analisi

Continua così l'analisi Arpav: «L’aumento delle polveri sottili, repentino ed anomalo per il periodo, registratosi a partire da venerdì scorso, è un fenomeno che ha interessato, oltre alle regioni adriatiche già menzionate, anche la penisola balcanica. Le cause di questo episodio di elevate concentrazioni di Pm10 sono quindi da ricercarsi non a livello locale, ma in processi di ampia scala. Fino alla mattina di venerdì 27 marzo, in Veneto hanno soffiato venti forti o anche molto forti dai settori orientali (in prevalenza nord-est). Tali correnti, associate ad una depressione inizialmente posizionata sul Tirreno, hanno convogliato sul Veneto l’aria presente sulla penisola Balcanica. Si tratta di venti di Bora, che hanno trasportato aria densa di polveri, già presente sulla penisola Balcanica. Dal pomeriggio di venerdì, i venti in Veneto si sono attenuati, ma il flusso è rimasto in prevalenza orientale. L’attenuazione del vento ha ridotto il rimescolamento, ma questo non è sufficiente a giustificare il repentino aumento delle concentrazioni di polveri, soprattutto in questa stagione, nella quale solitamente il rimescolamento è garantito anche dal soleggiamento diurno».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cause

Arpav, quindi, individa le motivazioni: «La causa più plausibile dell’aumento delle polveri è l’arrivo di aria densa di polveri sottili di origine non antropica, ma naturale (polveri desertiche), trasportata dalle correnti orientali. Dalle simulazioni modellistiche a grande scala, risulta che potrebbe trattarsi di polveri provenienti dai deserti asiatici confinanti con il Mar Caspio. La probabile origine naturale del particolato è rafforzata dal fatto che in questi ultimi giorni si è avuto un incremento molto significativo del Pm10, mentre il Pm2.5 è aumentato poco, segno che le polveri di questi giorni sono grossolane, compatibili con un’origine terrigena. Il passaggio di una saccatura in arrivo dall’Europa settentrionale nella giornata odierna (lunedì 30 marzo), associata a qualche precipitazione soprattutto in montagna e all’intensificazione dei venti, favorirà un maggior rimescolamento ed il ricambio della massa d’aria, con un conseguente netto calo delle concentrazioni di polveri sottili, che dovrebbero riportarsi su valori inferiori al valore limite giornaliero. Per quanto riguarda il bollettino Pm10, poiché non sono stati raggiunti i 4 superamenti consecutivi in nessuna delle centraline della rete, il livello di allerta rimane verde su tutta la Regione. Questa valutazione è rafforzata dal fatto che la dispersività dell’atmosfera va via via aumentando e le concentrazioni di polveri nei prossimi giorni sono previsti in diminuzione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Impatto violento tra la sua bici e un'auto: bambino di 9 anni elitrasportato d'urgenza in ospedale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento