«500 esercizi pubblici patavini a rischio sanzione»: l'allarme di Appe

Il Decreto Crescita ha reintrodotto la licenza Utif, autorizzazione fiscale relativa a spiriti e liquori: baristi e ristoratori in attività negli ultimi 2 anni devono verificare di possederla

Con la conversione in legge (n. 58/2019) del “Decreto Crescita” è stato re-introdotto l’obbligo, a carico delle aziende che vendono o somministrano alcolici (tra cui anche i pubblici esercizi), di dotarsi di apposita “licenza” rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, comunemente nota con il nome Utif. Tale adempimento, obbligatorio fino al 2017, era stato soppresso dalla legge 124/2017 e, pertanto, tutti i pubblici esercizi che sono subentrati o hanno avviato una nuova attività, nel corso degli ultimi 2 anni, sono sprovvisti di “licenza” e, quindi, devono verificare la loro situazione e, se del caso, provvedere a richiederla.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

500 attività a rischio sanzione

Puntualizza Filippo Segato, segretario Appe: «Da un controllo interno risulta che sono oltre 500 le attività di Padova e provincia che sono potenzialmente a rischio sanzione, il cui importo varia da un minimo di 500 euro ad un massimo di 3.000 euro». La richiesta va effettuata attraverso un apposito modulo di domanda, con due marche da bollo, che va consegnato direttamente all’ufficio dell’Agenzia delle Dogane. L’Appe è a disposizione degli esercenti per controllare la propria posizione ed eventualmente procedere con la predisposizione della domanda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Nuovi contagi anche nel Padovano, Luca Zaia avverte: «C'è poco da scherzare»

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Coronavirus, Zaia: «Nuovi positivi e isolamenti, indicatori non buoni: siamo nella "fase limbo"»

  • Rovesci e forti temporali in arrivo in tutto il Veneto: "allerta gialla" della Protezione Civile

  • Dramma domenica mattina alle Terme: spara alla moglie e poi si uccide

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento