Richiesta risarcimento danni causa maltempo, sabato 25 agosto ultimo giorno utile

Ultime ore per presentare le richieste relative ai fortunali di luglio: oltre 2 milioni e 300mila euro di danni per il Comune di Padova, circa un milione di euro per i privati

Ultime ore a disposizione dei padovani per richiedere alla Regione, attraverso il Comune, il risarcimento dei danni per i violenti fortunali che si sono abbattuti sulla città il 21 e 22 luglio: sabato 25 agosto, infatti è l’ultimo giorno per consegnare al Settore Sicurezza Salute e Prevenzione le schede con la richiesta.

Ultime ore

Proprio in queste ore in molti si stanno muovendo, dopo una attenta ricognizione dei danni, e nelle scorse ore le richieste consegnate sono praticamente raddoppiate. Francesca Benciolini, assesora alla Sicurezza Salute e Prevenzione, sottolinea: "Invitiamo i cittadini che non l’avessero ancora fatto a inviare le richieste. Oltre alle possibilità di vedersi riconosciuto e risarcito il danno subito, pensiamo che sia molto importante che come comunità cittadina si dia una testimonianza di quanto accaduto. I temporali di fine luglio sono stati eventi eccezionali, che hanno avuto un impatto fortissimo in città. Pubblico e privato insieme possono farsi sentire con un’unica voce per ribadire quanto subìto nelle sedi opportune".

160 domande presentate

A circa ventiquattro ore dalla scadenza dei termini per la consegna delle richieste sono 160 le domande presentate con la scheda B (danni al patrimonio privato) per un totale di circa un milione di euro di danni. Si tratta di richieste in rapido aumento arrivate con grande frequenza agli uffici nelle ultime ore. Gli allagamenti di garage o cantine sono la tipologia più diffusa, assieme ai danneggiamenti di auto e moto. Segnalato anche il caso delle rottura del motore di un’auto causato dalla caduta di un platano che ha sfondato il cofano. Frequenti anche i danni a tetti e grondaie. Le richieste della scheda C (danni ad attività economiche e produttive) sono meno di una ventina per un totale di circa 150 mila euro. In questo caso si tratta per lo più di allagamenti del piano terra e del danneggiamento di beni e materiali. 

Quasi 2 milioni e mezzo di danni per l'Amministrazione

Da parte sua l’Amministrazione ha calcolato 2 milioni e 339 euro di danni. L’abbattimento e la rimozione del verde danneggiato è la voce più consistente con 856 mila euro di danni, mentre il ripristino degli edifici scolastici è costato 500 mila euro. Oltre 200 mila euro sono stati spesi per lo svuotamento di locali allagati e 233 mila per il ripristino degli impianti sportivi.

Potrebbe interessarti

  • Tumori, scoperto il meccanismo per il controllo della proliferazione cellulare

  • Infarto e ictus, team di ricercatori padovani trova la "porta" che diminuisce i danni al cuore

  • Potassio: come assumerlo e perché fa bene a cuore, reni e ritenzione idrica!

  • Fine mese all'insegna dei cantieri: strade chiuse fino a due mesi tra il centro e i quartieri

I più letti della settimana

  • Terribile frontale auto-moto, gamba amputata per i due centauri padovani: sono in pericolo di vita

  • Decide di farla finita lanciandosi dal terzo piano di un hotel del centro: tragico suicidio a Padova

  • Fermata e soccorsa mentre corre nuda in centro a Padova: «Sono sonnambula»

  • Tenta il suicidio nel Bacchiglione: trascinata a riva da un passante, è gravissima

  • Pauroso schianto tra due auto, feriti i conducenti. Interviene l'elisoccorso, strada chiusa

  • Pedone falciato da un'auto all'altezza del cantiere: due i feriti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento