È un padovano “Il Modello d’Italia 2019”: la fascia va a Michelangelo Ravazzolo

22enne di Vigodarzere, studia Giurisprudenza e lavora come barista ad Abano Terme: Michelangelo ha superato una lunga e agguerrita selezione (oltre 5.000 concorrenti da tutta Italia)

Michelangelo Ravazzolo con la fascia

Ritorno a Padova con fascia sulla spalla per Michelangelo Ravazzolo, lo studente 22enne di Vigodarzere (Padova) che a Trani ha conquistato il titolo di “Il Modello d’Italia 2019” nell’ambito del concorso nazionale di “Mister Italia” promosso dalla Claudio Marastoni Communication.

La vittoria

Michelangelo ha superato una lunga e agguerrita selezione (oltre 5.000 concorrenti da tutta Italia) approdando a Trani, sede per il secondo anno consecutivo delle fasi finali del concorso che ha lanciato nel mondo dello spettacolo personaggi come Luca Onestini, Mario Ermito, Andrew Dal Corso e Raffaello Balzo. Superato lo scoglio delle prefinali, nella finalissima condotta da Jo Squillo il padovano si è ritrovato sul palco con altri 30 concorrenti, approdando al momento clou, quello dei sei vincitori di fascia. Per la cronaca, la corona di Mister Italia è stata posata dalla presidente di giuria Vladimir Luxuria sulla testa del rietino Giulio Schifi. Per Michelangelo, comunque, una bella soddisfazione, ovvero quella di essere tra i sei uomini più belli d’Italia con una fascia importante conquistata: «Sono molto felice, la fascia è stata la ciliegina sulla torta di un’esperienza meravigliosa che consiglio a tutti i miei migliori amici. A Trani mi sentivo in famiglia, un’organizzazione impeccabile e professionale, e anche tra avversari il clima era di amicizia. A chi critica i concorsi di bellezza rispondo che non ci trovo nulla di male a metterci la faccia in prima persona valorizzando un proprio talento, in questo caso la bellezza. Appena sceso dal palco domenica scorsa la prima persona a cui ho telefonato è stata mia madre Barbara che era quasi più felice di me». Studente universitario a Giurisprudenza di giorno, barista ad Abano Terme di sera, Michelangelo (che confessa di essere single) ha le idee chiare sul suo futuro. «L’obiettivo primario è la laurea, per poi diventare avvocato e magari occuparmi delle tematiche relative all’ambiente e agli animali, due argomenti che mi stanno molto a cuore. Se poi dovessero aprirsi le porte del mondo dello spettacolo, allora mi piacerebbe provare il mondo del cinema. Sono un cinefilo incallito, guardo almeno due film a settimana. I miei idoli? De Niro, Pacino, Nicholson e per la regia Tarantino e Kubrick».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Live - Coronavirus, un nuovo decesso all'ospedale di Padova

  • Coronavirus, l'aggiornamento a Padova e in Veneto: positive anche due sorelline di 3 e 6 anni

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Frodi fiscali nelle importazioni di auto usate: sequestrati beni per 2 milioni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento