600 nuovi letti di ultima generazione per l'ospedale di Padova

I nuovi letti ospedalieri a movimentazione elettrica verranno consegnati gradualmente: il costo dell’operazione è di circa un milione e 400mila euro

Il modello dei nuovi letti di cui verrà dotato l'ospedale di Padova

Di ultima generazione: l’Azienda Ospedaliera di Padova è pronta a dotarsi di 600 nuovi letti, che sostituiranno circa due terzi di quelli presenti in Ospedale (al computo sono da escludere i letti particolari come quelli per le terapie intensive, per i bambini o per i pazienti in dialisi)

La consegna

Si inizia martedì 25 giugno con il programma di acquisizione dei nuovi letti ospedalieri a movimentazione elettrica in sostituzione degli attuali a movimentazione manuale, vista la naturale riduzione delle attività e numero di ricoveri del periodo estivo. Ogni reparto riceverà una quantità di letti a funzionamento continuo elettrico commisurata alla vetustà dell’attuale dotazione, alla casistica dei ricoverati e alle caratteristiche quali-quantitative del personale d’assistenza. La consegna avverrà gradualmente: 30 letti a settimana, in modo da ridurre al minimo i disagi per gli operatori e i pazienti e facilitare le azioni di fornitura, di collaudo e verifica della funzionalità, di formazione ed addestramento dei lavoratori e di ritiro dei letti dismessi. L’Azienda Ospedaliera, attenta al comfort dei degenti ed alla sicurezza dei propri operatori, visto che la maggior parte dei pazienti ospedalizzati è costretta a letto per periodi di tempo più o meno lunghi ha pensato di rendere meno pesante il “riposo forzato” dei degenti.

I nuovi letti

I nuovi letti in dotazione (modello Delta 4, apparecchi con funzionamento continuo e snodabili) sono di 2 metri di lunghezza con la possibilità di allungamento per i pazienti con statura superiore alla media fino a 232 cm. Questi letti permettono di variare la posizione del busto, delle ginocchia o dei piedi, di ruotarsi sul fianco con l’aiuto di maniglie e spondine, facilitando la discesa e la salita dal letto e abbassando l’intero pianale dell’ospite. Oltre al comfort, la mobilizzazione ha anche ricadute positive sulla salute, riducendo il rischio di infezioni, di lesioni da decubito e favorendo la circolazione del sangue. I nuovi letti elettrici migliorano il lavoro di infermieri e operatori socio-sanitari, con lo scopo di agevolarne l’assistenza per la diminuzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi. Anche il trasporto dei letti da un locale all’altro - verso la radiologia e le sale operatorie, ad esempio - sarà favorito da maggior leggerezza e maneggevolezza. La fornitura dei nuovi letti è prevista in abbinamento ai comodini e ai tavolini servitori.

Il costo

Il costo dell’operazione è di circa un milione e 400mila euro con Iva. La procedura di gara per la fornitura degli arredi sanitari è stata espletata dalla Centrale di Committenza della Regione Lombardia (Arca Spa) per conto della Regione Lombardia e su delega della Regione del Veneto. I nuovi letti sono forniti da un’azienda veneta specializzata che ci consegnerà un parco letti aggiornato all’ultimo modello tecnologico presente sul mercato negli ultimi 12 mesi. La Convenzione per la fornitura del materiale prevede scadenza il 14 maggio 2020.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Blocco del traffico, come funziona: il vademecum con tutte le informazioni utili

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

Torna su
PadovaOggi è in caricamento