Padova Pride Village 2019, tutto pronto per la 12esima edizione della kermesse in Fiera

Non solo divertimenti, buon cibo e feste, ma anche incontri culturali e appuntamenti teatrali. Dal 14 giugno fino al 14 settembre, dal mercoledì al sabato, il capoluogo euganeo vivrà tre mesi pieni di novità e sorprese

Padova Pride Village

Inizia il conto alla rovescia in vista del 14 giugno, quando alle 19.30 apriranno ufficialmente i cancelli della dodicesima edizione del Pride Village alla Fiera di Padova. Fino al 14 settembre, dal mercoledì al sabato, il festival dedicherà al proprio pubblico tre mesi intensi fatti di concerti, teatro, party esclusivi e divertimento.

Cinquant'anni da moti di Stonewall

Questa edizione cade in un anno molto importante per la comunità LGBT. Cinquant’anni fa, la notte del 27 giugno 1969 a New York prendevano infatti il via i moti di Stonewall, momento di nascita del movimento di liberazione gay moderno in tutto il mondo. Una ragione in più non solo per regalare alla città un festival ancora più grande, ma anche per riflettere sulla situazione dei diritti delle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali nell’Italia di oggi.

Al Village anche i ristoranti e i bar del centro

Bressa: «La manifestazione è un grande appuntamento dell’estate padovana, una cittadella dell’intrattenimento. Il Comune è a fianco degli organizzatori per la lotta alle discriminazioni. Da quest’anno una novità: gli esercizi commerciali del centro e del territorio saranno presenti con i loro stand. Un modo per far conoscere le nostre eccellenze».

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Il Village: «Un baluardo contro tutte le discriminazioni»

«Questa edizione 2019, la dodicesima del Padova Pride Village, sarà del tutto particolare - dichiara Alessandro Zan, fondatore del Festival. In primo luogo, perché vogliamo ribadire che questo spazio di libertà e tolleranza, diventato un tutt’uno nel corso degli anni con la città di Padova, resta un baluardo contro tutte le discriminazioni, ma soprattutto anche un presidio democratico contro chi quotidianamente, anche dalle istituzioni, lancia violenti attacchi alle più importanti conquiste di civiltà. E lo vogliamo fare con un programma che include ospiti, come personaggi politici e della cultura, che si battono per i diritti di tutte e di tutti. In secondo luogo, perché anche qui vogliamo celebrare il cinquantesimo anniversario dei moti di Stonewall, quando il 28 giugno 1969 per la prima volta la comunità lgbt alzò la testa contro l’odio omotransfobico istituzionale, dando vita al movimento mondiale di rivendicazione dei diritti civili. Quindi questa edizione sarà, come sempre, dedicata a chiunque desideri un’Italia più giusta, più civile, più equa: chi vivrà il Village quest’estate sarà testimone di libertà e di tolleranza, e forse mai, come in questo momento nel nostro Paese, ne abbiamo bisogno».

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

L'apertura con Mara Venier e Loredana Bertè 

Per un anno così importante, il Pride Village ha voluto invitare alla propria inaugurazione due testimonial da sempre molto amate dal pubblico ma soprattutto da sempre al fianco alla comunità LGBTI: Mara Venier e Loredana Bertè che non solo torna al Village a sei anni di distanza dalla sua prima trionfale esibizione, ma firma anche la sigla di questa dodicesima edizione con il nuovo singolo estivo "Tequila e San Miguel", brano scritto per lei da Calcutta, Tommaso Paradiso e Takagi & Ketra, che sono anche i produttori del pezzo.

«Tre mesi è all’insegna del divertimento ma anche della grande riflessione»

«Abbiamo voluto iniziare la dodicesima edizione con due donne straordinarie. – racconta Lorenzo Bosio, direttore artistico del Festival - Mara Venier oltre ad essere “La Signora della televisione” da moltissimi anni è anche la “zia d’Italia” e quindi con un calore umano che possa far sentire a casa tutti i nostri villeggianti; Loredana Bertè è una donna e artista che ha solcato la musica, il costume, la moda, la storia italiana in una maniera unica e inconfondibile con un percorso personale e artistico di grandissima profondità. La scelta del palinsesto dei tre mesi è all’insegna del divertimento ma anche della grande riflessione: dal grande teatro e dei grandi live non dimenticando mai il focus che è la lotta contro l’omofobia e la violenza in tutti i suoi aspetti anche a suon di spettacolo, talk, musica e d’intrattenimento».

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Le novità del 2019

Tra le novità di quest’anno il Festival proporrà, a cavallo del 28 giugno un’intera settimana di appuntamenti dedicati a “Stonewall” in cui, tra cultura e intrattenimento, si rivivranno le atmosfere dell’ormai leggendario Stonewall Inn di New York da cui tutto ebbe inizio. Non poteva inoltre mancare un tributo alle persone che da sempre sono state alleate delle persone gay lesbiche e trans: le donne. Dal 24 al 27 luglio, durante la Chica, Week of Women non solo i palchi ma anche le consolle saranno tutte nelle loro mani. Non si sentano tuttavia trascurati gli uomini, per loro, venerdì 2 e sabato 3 agosto arriva il “Supermen Festival”, una due giorni divertimento ad alto tasso di testosterone in cui indossare l’harness e il cuoio sarà di rigore.

Divertimento e cultura insieme

La vocazione del Pride Village di essere non solo momento di divertimento e approfondimento culturale ma anche di promozione dei diritti si manifesterà, inoltre, nell’assegnazione di premi volti a mettere in luce volti e organizzazioni che contribuiscono a migliorare la vita delle persone. Giovedì 27 giugno, per il terzo anno, verrà premiata la “Persona LGBT dell’anno” che vuole dare un riconoscimento a chi si è contraddistinto per la difesa delle persone lesbiche, gay, bisessuali e trans. Giovedì 29 agosto verrà invece assegnata la Borsa di Studio “Luciana Zerbetto” per la migliore tesi dedicata alla partigiana e attivista per i diritti civili delle donne. Infine, anche quest’anno, sabato 14 settembre, verrà assegnato il “Premio Gianchi”, dedicato ad un grande amico del Pride Village, che permetterà, attraverso la raccolta fondi, di finanziare i progetti di una onlus. Partner della dodicesima edizione del Padova Pride Village sono Anima, Flexo, Trash&Chic, bitHOUSEweb, Infodiscoteche. Main sponsor: Di Saronno e Vodka Three Sixty. Media partner: Radio Company

Info web

www.padovapridevillage.it

https://www.facebook.com/PadovaPrideVillage/

Potrebbe interessarti

  • La Notte dei Colori, feste in piazza e sui colli, lirica e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • 10mila veneti colpiti da Linfedema. Sinigaglia: «Pazienti costretti ad andare all'estero per farsi curare»

  • «Ecco perché perdiamo forza durante l’invecchiamento»: la ricerca congiunta Vimm-Università

  • Anoressia: «Le cause della malattia una combinazione di fattori di rischio sia psichiatrici che metabolici»

I più letti della settimana

  • Violento acquazzone nel Padovano: forte vento e grandine, alberi sradicati e strade allagate

  • Domenica di sangue: schianto tra due auto sull'argine a Codevigo, morto un 43enne

  • Tragico frontale sulla regionale 308: muore un parroco di 82 anni

  • Tragico schianto in moto alle Canarie: muore Andrea "Pizzi" Mazzin, 35enne padovano

  • Devastante rogo in un'azienda: collassati due capannoni, morti 100mila tra polli e galline

  • La clinica neurologica diventa internazionale per ospitare la scuola di Parkinson

Torna su
PadovaOggi è in caricamento