Nuovo park in zona ovest? Bertin "punzecchia" Lorenzoni: «Non si può dire che manchi di fantasia»

Il presidente di Ascom Padova risponde senza peli sulla lingua all'ipotesi avanzata dal vicesindaco di creare un parcheggio in via Annibale da Bassano: «Se la stessa “verve” la mettesse anche sul breve saremmo la città più felice del pianeta»

Patrizio Bertin tra gli assessori Bressa e Micalizzi durante un sopralluogo all'ex Prandina

«Non si può dire che il vicesindaco manchi di fantasia e di visioni sul lungo periodo. Se la stessa “verve” la mettesse anche sul breve saremmo la città più felice del pianeta». Mittente della stoccata al veleno: Patrizio Bertin, presidente di Ascom Confcommercio Padova. Destinatario: Arturo Lorenzoni. Motivo: la proposta - avanzata da quest'ultimo - di realizzare un parcheggio in via Annibale da Bassano.

Le motivazioni di Bertin

E Bertin rincara pure la dose, spiegando anche il perché della sua amarezza: «Tra un progetto di funivia fino alla Zip e parcheggi ben dotati di posti purchè non vicini al centro, il vicesindaco sembra voler evitare con ogni mezzo che si possa realizzare il parcheggio alla ex caserma Prandina». Prosegue nella sua "arringa" il presidente dell'Ascom: «Io non dico che un parcheggio nell’area di via Annibale da Bassano sia una cosa brutta in assoluto. Magari fra un tot di anni quell’area farà parte di un centro cittadino allargato. Dico solo che richiede investimenti e tempi almeno di medio periodo e, soprattutto, non soddisfa l’esigenza di avere parcheggi a ridosso del centro come hanno tutte le città (si pensi a Verona, a Bolzano, alla stessa Milano, ecc.) che sono gli unici in grado di sostenere il commercio considerato che i parcheggi scambiatori non sono appetibili per chi, nonostante i centri commerciali e nonostante l’e-commerce, vorrebbe poter comprare nei negozi cittadini. E nel frattempo? Perché non puntare sull’ex Prandina che, in pochi giorni di sperimentazione, ha riscosso il giudizio favorevole di tutti o, quanto meno, di quelli che non sono pregiudizialmente contrari alle auto? Il male peggiore - conclude - è procrastinare nel tempo scelte che potrebbero essere già fatte adesso e che avrebbero il grande pregio di convincere gli investitori che Padova è una città che non ha paura di progettare il proprio futuro senza però far finta di non considerare le difficoltà del presente».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il palo si spezza, operaio cade e si schianta a terra. Fratture multiple e ricovero

  • Sport

    World Games Special Olympics, Paccagnella e Bacelle sono argento e oro mondiali

  • Cronaca

    Compra online due costosi violini, poi la sorpresa: erano stati rubati quasi vent'anni fa

  • Politica

    Mediterranea e i 49 migranti salvati in mare: sulla nave c'è anche Luca Casarini

I più letti della settimana

  • Tir si rovescia su un'auto, le lamiere diventano una trappola mortale per un 48enne

  • Dramma della strada, Cristina muore tra le lamiere dopo il violentissimo schianto sul platano

  • Villetta in fiamme, il tetto brucia. La colonna di fumo si vede da chilometri

  • Famiglia intossicata dal monossido: muore il padre, mamma e figlio rianimati dai militari

  • Dramma allo stabilimento Peroni: camionista si accascia al volante, stroncato da un malore

  • Litigano per il parcheggio: il vicino gli spacca tutti i fanali e il lunotto posteriore dell'auto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento