Tutti sulla neve coi campioni di motocross: esperienza indimenticabile per 250 ragazzi disabili

Organizzato dall’associazione CrossAbili di San Martino di Lupari, ha consentito a 250 ragazzi disabili di provare l’ebbrezza di salire a bordo di motoslitte e snow bike assieme ai campioni di freestyle motocross

Saluto di gruppo per i ragazzi ad Alleghe

Quattro giorni di puro divertimento sulla neve sul circuito Col dei Baldi di Alleghe. Per un’esperienza totalmente inedita:  i protagonisti assoluti, infatti, sono stati 250 ragazzi disabili, provenienti da tutta Italia, che hanno provato l’ebbrezza di salire a bordo di motoslitte e snow bike assieme ai campioni di freestyle motocross. Ma anche quattro giorni per stare assieme in mezzo alla natura.

Sledterapia - Alleghe-11-2

CrossAbili

È l’iniziativa organizzata da CrossAbili, associazione di San Martino di Lupari, fondata da Mattia Cattapan. Classe 1990, paraplegico dal 2013 a causa di un terribile incidente durante una gara agonistica di Enduro, Mattia ha deciso di non darsi per vinto e di fare della sua passione per i motori uno strumento di inclusione. Questi quattro giorni ad Alleghe fanno parte di un progetto più ampio di CrossAbili, chiamato “Disabili in viaggio” che ha lo scopo di offrire momenti di svago e vacanza a persone con handicap di vario genere cercando di superare i limiti e le barriere che spesso la disabilità porta con sé. “Disabili in viaggio”, però, vuole regalare soprattutto occasioni di benessere, divertimento e condivisione per le persone diversamente abili. 

Motoslitte e freestyle

Oltre a sfrecciare con motoslitte e snow bike tra la neve di Alleghe sul circuito Col dei Baldi della scuola Sled Tech di Max Tosi che ha co-organizzato l’iniziativa, i 250 ragazzi che hanno partecipato a questa “settimana bianca” all’insegna dell’adrenalina hanno sperimentato anche la moto-terapia assieme al campione di freestyle motocross Alvaro Dal Farra e a tutto il suo team Daboot.  Commenta Mattia Cattapan: «Questi quattro giorni sono stati un’esperienza unica sia per me che per i ragazzi che vi hanno partecipato. Molti di loro non erano mai stati sulla neve, non avevano mai indossato una tuta da sci o non avevano mai vissuto la montagna da sportivi.  “Disabili in viaggio” è un modo per far provare a chi vive la disabilità emozioni e sensazioni che altrimenti gli verrebbero precluse a causa della propria condizione. Il mio obiettivo è offrire loro un punto di vista differente sdoganando l’idea dell’impossibile». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto gratis

Un’esperienza, per i 250 ragazzi che hanno partecipato ai quattro giorni ad Alleghe, totalmente gratuita. CrossAbili, infatti, sostiene completamente i costi di gestione e organizzazione in modo da dare a tutti senza distinzioni la possibilità di prendere parte a “Disabili in viaggio”. Quest’esperienza tra la neve è stata possibile grazie a quanto raccolto durante l’evento “Una Marcia in Più” organizzata lo scorso settembre da CrossAbili in collaborazione con il Comune di Cittadella e a quanto raccolto grazie alla raccolta fondi “Ciapa i CrossAbili” in scena lo scorso anno a Milano grazie all’associazione “Ciapa la Moto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento