Rally: Fabio Peruzzo si congeda dal 2019 con la sua Peugeot al città dei Mille

Il tradizionale appuntamento di fine stagione a Bergamo vedrà il pilota di Conselve tornare alla guida della Peugeot 106 gruppo A, nell'intento di bissare il successo del 2017

La stagione 2019 è oramai agli sgoccioli ma per Fabio Peruzzo la partecipazione all'imminente Ronde Città dei Mille si presenta carica di significato. Il pilota di Conselve, archiviato il tuffo mondiale all'ADAC Rallye Deutschland, tornerà alla guida della sempreverde Peugeot 106 gruppo A, il prossimo fine settimana, con la quale ha già ottenuto un secondo posto di classe, al Città di Scorzè, ed un quarto, al Colli Scaligeri. L'appuntamento bergamasco, giunto quest'anno a festeggiare la sua edizione numero quindici, si appresta a firmare l'ennesima da record, poco meno di duecento gli iscritti, tra i quali il portacolori di Omega cercherà di bissare la vittoria ottenuta, su queste strade, nel 2017.

Ritorno al passato

«Dopo l'esperienza nel mondiale abbiamo deciso di tornare al Città dei Mille – racconta Peruzzo – perchè volevamo chiudere l'annata con un'altra gara. Il Città dei Mille è sempre un evento affascinante ed al tempo stesso molto difficile perchè il parco partenti è sempre notevole. Basti pensare che, in questa edizione, partiremo con il numero centoquarantaquattro. Credo che questo basti a far capire quanto sia sentito questo evento. Non sarà la nostra prima volta qui perchè ci abbiamo già corso nel 2017. In quell'occasione è andata davvero molto bene perchè siamo riusciti ad ottenere la vittoria di classe. Punteremo sicuramente a ripeterci». La giusta occasione, per Peruzzo e per il compagno di abitacolo Manuel Campagnolo, per coronare un'annata importante e per gettare le basi per un 2020 che bussa ormai alla porta. «Siamo già a metà Dicembre – sottolinea Peruzzo – ed una volta passata la Ronde Città dei Mille sarà già tempo di guardarsi attorno per il nuovo anno. Assieme ai nostri partners ed alla scuderia Omega stiamo già valutando alcune opzioni ma inizieremo a lavorare, nel concreto, solo dopo la gara. Ora dobbiamo rimanere concentrati se vogliamo giocarcela per la vittoria».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quattro prove

Nel più tradizionale format della ronde, rimanendo legati alla tradizione, il quindicesimo capitolo del Città dei Mille si articolerà sulle quattro tornate della “Selvino” (8,00 km), tutte da affrontare Domenica 15 Dicembre ed anticipate, Sabato nel tardo pomeriggio, dalla cerimonia di partenza. «Il percorso lo conosciamo molto bene” – conclude Peruzzo – “e questo potrà sicuramente tradursi in un nostro punto di forza. L'unica incognita, spesso determinante al Città dei Mille, sarà il meteo. Qui se ne sono viste di tutti i colori nel passato ed è anche questo il bello del rally. Dal canto nostro conosciamo molto bene il pacchetto tecnico a nostra disposizione e pertanto partiremo carichi, sin dal primo passaggio. Ci auguriamo che vada tutto per il meglio e che ci sia il bel tempo. Una bella lotta, sul filo dei secondi, sarebbe il modo migliore per concludere un anno che è stato molto importante per noi. Ce la metteremo tutta, come sempre del resto, per gratificare il sostegno dei nostri partners e della scuderia Omega. Siamo pronti»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento