Zanzare, buone notizie sul fronte West Nile: crollano i casi in Veneto

Nel giro di un anno esatto sono scesi da 105 - con 34 forme neuroinvasive - a 10 totali (compreso uno ancora dubbio): Padova resta la città più "colpita"

Un crollo verticale rispetto allo scorso anno. Ma guai ad abbassare la guardia: il 2019 in Veneto, in particolare nei mesi estivi, è stato un anno “tranquillo” dal punto di vista delle infezioni umane da Arbovirus, trasmesse attraverso la puntura di artropodi (essenzialmente zanzare e zecche), che trasmettono virus come la West Nile (che tanto allarme creò l’anno scorso), l’Usutu, la febbre Dengue, la febbre Chikungunya, il virus Zika e il Tich-Borne Encephalitis (trasmesso, questo, dalla puntura delle zecche).

Il bollettino

Lo testimonia il quarto bollettino sulla sorveglianza delle arbovirosi, realizzato e diffuso dalla direzione prevenzione dell’area sanità e sociale della Regione. Fa notare Manuela Lanzarin, assessore regionale alla sanità: «Salta subito all’occhio il positivo crollo dei casi di West Nile, scesi quest’anno a 10 totali (compreso uno ancora dubbio) contro i 105 - con 34 forme neuroinvasive - che si registrarono il 21 agosto 2018. Come hanno spiegato gli esperti, i fattori di questa diminuzione sono molteplici, ma un contributo importante lo ha dato il piano straordinario di disinfestazione definito e attuato lo scorso anno dalla Regione, con un finanziamento di 500mila euro. Fondamentale anche la campagna di prevenzione e informazione rivolta ai cittadini e la meticolosità dei monitoraggi, che ci consentono di avere sempre la situazione aggiornata”.

I casi

I casi di West Nile si sono verificati a Padova (4), a Treviso (2 più uno dubbio), e a Vicenza (3). Nessun caso di Usutu è stato censito. Si tratta di un Flavavirus che infetta soprattutto uccelli e zanzare, la cui circolazione è documentata in vari Paesi europei e spesso avviene in concomitanza con la West Nile. Dall’1 gennaio 2019, i casi di febbre Dengue sono stati 18, ma tutti in persone che avevano soggiornato all’estero, in particolare ad Antigua, Bali, Cuba, Kenya, Maldive, Sri Lanka, Thailandia, Nigeria e Messico. Solo due i casi di Chikungunya, entrambi in persone che hanno soggiornato all’estero (Brasile e Nigeria). Anche il virus Zika, che l’anno scorso aveva determinato un allarme internazionale, in Veneto finora è stato praticamente inesistente, con un solo caso - a Padova - in una persona che aveva soggiornato a Cuba. Tra confermati e probabili, sono infine 16 i casi registrati di Tick Borne Encephalitis trasmesso dalle zecche. Nove di questi sono evoluti in encefalite, sette hanno manifestato solo l’infezione. I casi sono stati registrati a Belluno (8), Vicenza (5), e uno a Treviso e Padova oltre a un residente fuori regione. C’è da ricordare che, proprio in considerazione della maggior diffusione nel bellunese, la Regione Veneto ha recentemente ampliato e agevolato l’accesso alla vaccinazione contro l’encefalite da zecche (TBE), mediante l’offerta gratuita o a prezzo agevolato del vaccino.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Tra incredulità e gioia: al ristorante Radici di Padova si presenta Martin Scorsese

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Tragedia al Portello: dalle acque del Piovego affiora un cadavere

Torna su
PadovaOggi è in caricamento