Padova da Vivere

Padova da Vivere

Gli animali e il tempo, i proverbi veneti per predire gli eventi atmosferici

Di seguito una selezione dei proverbi che riguardano principalmente gli animali da allevamento, gli uccelli e gli insetti in rapporto alla meteorologia. Altri animali come cani, maiali, volpi e serpenti sono spesso usati nei proverbi come metafore di comportamenti umani: “Ai cani magri se ghe taca le mosche” oppure “Vàrdate dala volpe e dal tasso e da chi che varda in basso”. 

È noto ai contadini che gli animali sono più sensibili degli uomini nel percepire i cambiamenti del tempo, e, alcune volte, ad anticiparli attraverso comportamenti particolari. Molta attenzione è data agli uccelli migratori che, al pari dei fenomeni climatici, indicavano l’inizio o la chiusura delle stagioni supportando gli agricoltori nel programmare le attività.

Come per gli agenti atmosferici, la veridicità di questi proverbi è parziale. Per esempio, è possibile vedere le formiche correre velocemente quando la pressione atmosferica è alta e, invece, avanzare più lentamente quando la pressione è bassa. Nemmeno la regola che indica nel volo basso delle rondini l’annuncio di cattivo tempo è sempre valida, specialmente se esse si trovano a convivere con altre specie simili – come balestrucci e rondoni – con cui tendono a dividersi lo "spazio aereo" dal basso verso l'alto.

  • Co le pite se spulìna, la piova xe vicina
  • Quando le galline si rivoltano nella polvere, la pioggia si avvicina
  • Co el galo canta in cortivo, se el tempo xe bon se fa cativo
  • Co el galo canta fora de ora el tempo va in malora
  • Quando i galeti se beca, el tempo se cambia
  • Quando che el galo se lava le rece, da l'indoman piova a sece
  • Molton in barufa e gai in zufa, tempo cativo
  • Quando el tempo se muda, le bestie stramuda
  • Co i aseni ascolta, el tempo se volta
  • Co la vaca tien su el muso, tempo bruto salta suso
  • Co canta la rana, piova o brentana
  • Co canta el rospo, el tempo se fa fosco
  • Co le formighe va in processioni de piova xe segno bon
  • Co insolenta le mosche, le zornade se fa fosche
  • Se le ave (api) beca, la campagna no se seca.
  • L’Ambiente 36 nei proverbi veneti
  • Co le oche selvàreghe le va al mar, tol su la vanga e va a vangar;
  • co le oche va in su, tol la carièga e sentate su
  • De magio, i muss sa dà coragio (si corteggiano)
  • Al mese de genàro, i gati va in amore e i fa gnào gnào tutte le ore
  • Co ‘l gato sbassa ‘a recia, piove presto
  • Alegria de pipistrel - xe segnal de tempo bel. (proverbio veneto dell’Istria)
  • Merli sconti in t'el camin el fredo dura ancora un tochetin
  • Se canta el cuco a selva nuda, primavera molto cruda
  • Co canta el cuc ghe xe da far da par tut
  • Quando canta il cuculo riprendono i lavori della terra
  • Co canta el pigosso de genaro, tiente a man el pajaro
  • Co le soete (civitte) canta al matin, piova da visin
  • Marzo el se fà vanti, el merlo el fa noze coi so canti
  • A Sant’Ana el rondon se slontana (26 luglio)
  • A le prime aque de Agosto la tortora la va via
  • A San Gorgon passa la lòdola e ‘l lodolon (9 settembre)
  • L’Ambiente nei proverbi veneti 37
  • A San Francesco i tordi va de furia (4 ottobre)
  • Ai morti e ai Santi i corvi sbandona i monti e i vien a pascolare ai campi
Padova da Vivere

Tante idee per vivere Padova al meglio: segui il nostro blog per rimanere aggiornato sulle novità più interessanti su locali e ristoranti, attività all'aria aperta, shopping, eventi e sport. Per sfruttare al meglio il tuo tempo libero e... scoprire i piccoli tesori vicino a casa. Vuoi diventare protagonista del blog? Inviaci la tua segnalazione

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento