Acciaierie Venete: Fiom e lavoratori al capezzale del collega: "Vicini alla famiglia"

Una delegazione è arrivata nel pomeriggio al policlinico universitario dove è ricoverato in condizioni disperate uno dei due feriti più gravi. Ora si organizza un presidio permanente

Dopo la manifestazione che stamattina ha portato davanti ai cancelli dello stabilimento più di mille persone tra colleghi delle altre aziende metalmeccaniche in sciopero ed esponenti dei sindacati e della politica locale, nel pomeriggio una delegazione di lavoratori e rappresentati di Fiom Cgil ha fatto visita ai familiari di Sergio, uno degli operai gravemente feriti nell'inciente di domenica scorsa.

Vicini ai familiari sempre

"Siamo venuti a trovare i familiari, per esprimere la nostra vicinanza e il nostro affetto. Il collega è grave, i medici non si esprimono in nessun modo. La situazione non è descrivibile per noi che siamo profani, possiamo solo stare vicino ai parenti", la portavoce di Fiom Cgil, Sara Quartarella. I lavoratori hanno deciso in sede di assemblea di creare un presidio fisso al policlinico, dove il loro collega è ricoverato nel reparto grandi ustionati in condizioni gravissime, con ustioni su quasi il 100% del corpo: "Ci alterneremo, in modo che ci sia qualcuno qui ogni giorno pe dimostrare alla famiglia che non è sola".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Tremendo frontale tra un'utilitaria e un camion, una donna muore nello schianto

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Scandalo nella curia padovana: prete posta foto porno nella chat dei cresimandi

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento