Pozzonovo, il comune acquisisce la materna: firmato il preliminare, impegno da 300mila euro

La struttura è frequentata da circa 50 bimbi e si prevede un incremento dei servizi visto che il micro nido comunale è passato da 9 agli attuali 15 frequentanti

Il Comune di Pozzonovo ha acquisito oggi, con la firma del preliminare davanti al notaio, la scuola materna del paese che dopo 50 anni viene restituita alla comunità anche grazie all’impegno economico di SPES Servizi Educativi. La struttura è frequentata attualmente da circa 50 bimbi, e si prevede un incremento dei servizi visto che il micro nido comunale è passato da 9 (dato 2017) agli attuali 15 frequentanti, grazie all’abbassamento delle rette deciso dall’attuale amministrazione comunale.

Investimento

La Giunta del sindaco Arianna Lazzarini ha investito nell’acquisto 300.000 euro, reso possibile anche dallo sblocco delle risorse degli Enti Locali deciso dall'attuale Governo negli ultimi mesi, da cui il Comune ha potuto ricavare 75.000 euro utili all’operazione. «Dopo un anno e mezzo di lavoro da sindaco e da deputato – esulta Lazzarini – chiudiamo un accordo che per i cittadini è storico. La scuola dell’infanzia è salva, finalmente abbiamo risolto il problema che si era aperto con la messa in vendita dell’edificio e del parco da parte delle Suore Oblate di San Francesco di Sales. L'acquisto dello stabile avviene oggi grazie al supporto della Spes, l'Ipab pubblica padovana che già gestisce l'asilo nido. Non avrei mai potuto perdere la materna, visto che dal nostro insediamento abbiamo sempre messo come priorità il sostegno alle famiglie con atti concreti. Nell’ultimo anno si sono trasferite a Pozzonovo ben 12 nuove coppie con figli, che hanno chiesto servizi all’infanzia. Anche con l’atto di oggi, il nostro paese si dimostra attrattivo ed attento ai genitori che lavorano e ai loro bimbi»

Le collaborazioni

«Io stessa – specifica Lazzarini - ho frequentato da bambina quell'asilo, che non potevamo permetterci di perdere. Anzi, a breve metteremo in piedi altre iniziative in collaborazione con l’Ulss a favore di mamme e papà che lavorano nel vicino ospedale. Un pensiero va al parroco don Pietro, che ci ha supportati e che ci dato ha spazio nel progettare il futuro della materna; ringrazio anche le suore, la Curia, con cui abbiamo collaborato, la mia Giunta e il mio Gruppo consiliare che mi hanno sostenuto per questo importante risultato, impossibile se non ci fosse stato l’impegno di tutti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Inferno in autostrada: esplode tir, carbonizzato l'autista, feriti due lavoratori

  • Tragedia in serata: uomo azzannato dai suoi rottweiler viene trovato senza vita dalla compagna

  • Addio digitale terrestre, cambia tutto per i televisori: come attrezzarsi

  • Sorpresa dalle previsioni meteo: neve in arrivo anche a Padova e provincia?

  • Scopre due persone che dormono nel suo garage: una era la proprietaria dell'immobile

  • Dormiva in un camper a Monselice una ricercata su cui pendeva una condanna a 10 anni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento