Camerieri di un ristorante del centro pestati a sangue: mascella distrutta per uno dei due

Il grave episodio è avvenuto nella notte tra sabato e domenica verso l'una in piazza Capitaniato: entrambi lavorano per il locale etnico Peace 'n' Spice. Indaga la polizia

Una rissa con calci e pugni il sabato sera in pieno centro. É bastata una parola di troppo perché all'una di notte in piazza Capitaniato un 28enne cameriere del ristorante Peace 'n' Spice si sia ritrovato massacrato di botte, con un occhio tumefatto e la mandibola seriamente fratturata. Aggredito anche il collega che è rimasto ferito a una mano.

La ricostruzione

Stando a quanto ricostruito dalle volanti della polizia gli aggressori sarebbero due nordafricani, con tutta probabilità tunisini, che erano in giro con una terza persona italiana. I due camerieri che lavorano al risotrante etnico di via Dondi sostengono che i picchiatori potessero avere con sè dei tirapugni. I lavoratori sarebbero stati aggrediti a fine turno, quando stavano raggiungendo dei vicini cassonetti per gettare i rifiuti a fine turno. L'episodio è avvenuto all'esterno del locale, le urla hanno richiamato altri dipendendi e uno di loro è stato aggredito. Per il 28enne la diagnosi all'ospedale è stata impietosa: frattura della mascella. Dovrà essere operato. L'episodio ricorda la rissa che ha visto coinvolto il rapper italo-senegalese Nigga Dium che giovedì notte è stato aggredito in piazzale San Giovanni da ignoti che gli hanno provocato un taglio alla coscia suturato e con 30 giorni di prognosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Inferno in autostrada: esplode tir, carbonizzato l'autista, feriti due lavoratori

  • Tragedia in serata: uomo azzannato dai suoi rottweiler viene trovato senza vita dalla compagna

  • Addio digitale terrestre, cambia tutto per i televisori: come attrezzarsi

  • Sorpresa dalle previsioni meteo: neve in arrivo anche a Padova e provincia?

  • Scopre due persone che dormono nel suo garage: una era la proprietaria dell'immobile

  • Dormiva in un camper a Monselice una ricercata su cui pendeva una condanna a 10 anni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento