Spedizione punitiva a casa della famiglia di giostrai, bastoni e coltelli contro genitori e figli

Mercoledì sera, in via Valli ad Arre. I malcapitati sono stati aggrediti da almeno cinque persone

Raid punitivo, mercoledì sera, nell'abitazione di una famiglia di giorstrai, in via Valli ad Arre. I malcapitati sono stati colpiti con bastoni e coltelli da un gruppo formato da almeno 5 persone, parzialmente travisate, che si sono dileguate subito dopo l'aggressione, facendo perdere le proprie tracce dileguandosi nelle vie limitrofe. 

I SOCCORSI. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Abano Terme e della stazione di Conselve, che hanno dato avvio alle attività investigative, e il personale sanitario del Suem 118, per soccorrere i feriti, tutti trasportati all'ospedale di Schiavonia per le cure del caso.

INTERA FAMIGLIA IN OSPEDALE. Le vittime sono: il capofamiglia, I.M., 63 anni, giostraio, gravato da pregiudizi, riscontrato affetto da "ferita del dorso con corpo metallico nel contesto dei muscoli paravertebrali", con prognosi di 10 giorni, ricoverato; la moglie, N.T., 58 anni, giostraia, incensurata, riscontrata affetta da "frattura arcata zigomatica destra, parete laterale orbita destra e pareti seno mascellare destra", con prognosi di 30 giorni, ricoverata; il figlio maschio, D.M., 27 anni, operaio, gravato da pregiudizi, riscontrato affetto da "ferita da taglio e penetrante del torace" e ricoverato in prognosi riservata, non in pericolo di vita; la figlia K.M., 41 anni, disoccupata, incensurata, riscontrata affetta da "trauma cranico non commotivo, flc cuoio capelluto, frattura mano sinistra" e dimessa con prognosi 30 giorni; un'altra figlia, G.M., 37 anni, giostraia, incensurata, riscontrata affetta da "contusione dito mano sinistra" e dimessa con 5 giorni di prognosi.

INDAGINI IN CORSO. Sono in corso le indagini dei carabinieri, anche se, al momento, le vittima non hanno fornito elementi utili all’identificazione degli aggressori né chiarito le ragioni di quella che pare essere stata una spedizione punitiva. L'immobile è stato posto sotto sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vive in casa con il cadavere del fratello, morto da tre mesi: dramma nella Bassa Padovana

  • Si fa accreditare oltre 11mila euro cambiando l'Iban sulla fattura, ma il trucco online viene scoperto

  • Cadavere lungo l'argine: il tragico gesto forse legato a problemi lavorativi

  • Il Bacchiglione restituisce un corpo: è la mamma di Bovolenta scomparsa lunedì

  • Vede lo scooter a bordo strada, non si accorge dell'uomo a terra e lo travolge: un morto

  • Fuggi fuggi all'Ikea: scatta l'allarme antincendio, negozio evacuato a tempo di record

Torna su
PadovaOggi è in caricamento