Anagrafe delle stelle: tenute a "battesimo" sotto la guida di un astronomo padovano

Piero Benvenuti, segretario generale della Iau, spiega: "Si è voluto rendere ufficiali quei nomi che da tempo immemore astronomi di varie tradizioni e civiltà avevano assegnato"

Orsa maggiore in un dipinto del 1825

Definire le regole per la nomenclatura delle future stelle e uniformare lessico e grafia di quelle che un nome già ce l'hanno, facendo giustizia di omonimie, sinonimie, polimorfie e simili ambiguità linguistiche. Insomma, mettere ordine. Per evitare situazioni incresciose come una stella con più nomi o - non sia mai - lo stesso nome per più stelle. È il compito affidato dall'Iau-International Astronomical Union a un gruppo di lavoro ad hoc (Wgsn, Working Group Star Names) che - scrive Media Inaf, il notiziario online dell'Istituto nazionale di astrofisica - da maggio a oggi ha già impresso il sigillo di ufficialità a 227 nomi di stelle.

ASTRONOMO PADOVANO. "In realtà non si sono inventati nomi nuovi - spiega a Media Inaf il segretario generale della Iau, Piero Benvenuti, astronomo all'Università di Padova e primo italiano a ricoprire il prestigioso incarico - si è solo voluto rendere ufficiali quei nomi che da tempo immemorabile astronomi di varie tradizioni e civiltà avevano assegnato alle stelle più luminose. Similmente, nel lontano 1920, giusto un anno dopo la sua fondazione, l'Iau aveva ufficializzato i nomi delle costellazioni: era tempo che ci si occupasse anche delle stelle".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LE PRIME. Le 227 stelle che hanno ricevuto l'imprimatur sembrano poche, ma non lo sono: prima di questa iniziativa quelle con il bollino di certificazione in ordine erano solo 14. Ogni sorgente è corredata di costellazione d'appartenenza, coordinate celesti, magnitudine e data d'approvazione. Fra le tante note solo agli appassionati, ne figurano alcune che fin dai tempi più antichi sono invece vere e proprie celebrità, a volte leggendarie, come Vega, Rigel o la stessa Stella Polare, che d'ora in avanti dovremo abituarci a chiamare Polaris.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento a Padova e in Veneto: positive anche due sorelline di 3 e 6 anni

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Frodi fiscali nelle importazioni di auto usate: sequestrati beni per 2 milioni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento