Anziani volontari "assunti" per i permessi di soggiorno in questura

12 nuovi "nonni vigile" collaboreranno per attuare il progetto sperimentale per la gestione delle pratiche inerenti il rilascio/rinnovo dei titoli dei cittadini stranieri. Il Comune ha stanziato 18mila euro

Una dozzina di cittadini anziani volontari, praticamente dei "nonni vigile", saranno impiegati in questura per attuare un progetto sperimentale per la gestione delle pratiche inerenti il rilascio o rinnovo dei permessi di soggiorno dei cittadini stranieri.

LA COLLABORAZIONE. Per il progetto, il comune di Padova ha stanziato 18mila euro. I 12 volontari saranno individuati attraverso la pubblicazione di un avviso pubblico. La collaborazione prevede la raccolta e sistemazione della documentazione che i cittadini stranieri inviano per posta, in modo da razionalizzare la gestione delle procedure ed evitare doppioni contribuendo sensibilmente alla semplificazione delle procedure e al miglioramento dei servizi collegati alla questura, in particolare gli sportelli Cisi del Comune.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento