Bombe artigianali per far saltare in aria i bancomat, arrestata banda di pregiudicati

La fuga a bordo di potentissime Station Wagon, veniva coperta con l’utilizzo di chiodi a tre punte ed estintori, dopo aver attivato un potente disturbatore di frequenze (jammer)

La conferenza

I Carabinieri del Comando Provinciale di Padova hanno tratto in arresto 5 cittadini italiani nei cui confronti la locale autorità giudiziaria ha emesso una ordinanza di custodia cautelare in carcere  in quanto responsabili a vario titolo di possesso di esplosivi, furto pluriaggravato e di ulteriori condotte al vaglio dell’ A.G. ed in concerto con altre Polizie Europee. 

I COLPI.

La banda, armata di rudimentali ma pericolosissime bombe, ha svaligiato diversi sportelli Bancomat e Postamat tra le province di Padova, Venezia, Vicenza e Verona, arrecando enormi danni alle infrastrutture. La fuga successiva alle esplosioni, avveniva a bordo di potentissime Station Wagon, veniva coperta con l’utilizzo di chiodi a tre punte ed estintori, dopo aver attivato un  potente disturbatore di frequenze (jammer) che inibiva l’attività di intercettazione. In tutto la gang era costituita principalmente da cinque malviventi: R.B., 45enne di Brugine, A.G., 48enne di Padova, M.G., 22enne di Brugine, J.G., 50enne di Mira, nel Veneziano, e C.R., 43enne di Polverara. Arrestati in flagranza anche perchè trovati con l'esplosivo M.L., 38enne di Polverara, e F.B., 49enne di Brugine.

L'INDAGINE

L'indagine è partita nel 2016 quando ad Agna veniva chiaramente immortalato nelle immagini di una videocamera quello che poi si dimostrerà essere il capo banda: il 43enne di Polverara, parchettista, un uomo claudicante e di stazza prominente. L’invalido capo banda al fine di rendere più difficile la sua identificazione conduceva due vite distinte e parallele con altrettante famiglie in domicili diversi. Ma è stato proprio il suo tenore di vita a insospettire gli inquirenti che piano piano, nonostante la scaltrezza dei ladri, sono riusciti a ricostruire l'intera banda. Tanto erano avveduti, che provvedevano molto spesso alla bonifica dei loro veicoli e di mezzi che usavano: addirittura prima dei colpi sfruttavano un potentissimo disturbatore di frequenza al fine di evitare di essere seguiti elettronicamente. L'episodio decisivo che li ha incastrati il colpo del 22 luglio 2017 a Candiana quando il quintetto commette alcuni errori e viene incastrato. Durante le perquisizioni i carabinieri hanno rinvenuto: tre marmotte, ordigni artigianali pronti all'uso, inneschi elettrici, disturbatore di frequenze, attrezzi da scasso, passamontagna e vestiti usati durante i colpi. Infine, in un garage dell'Arcella, i militari hanno rinvenuto anche la potente autombile con la quale mettevano a segno i colpi: un'Audi s.w.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(Notizia in aggiornamento)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Clamoroso, dopo 2 giorni di attività il Gasoline chiude: «Troppi rischi, gettiamo la spugna»

  • Ubriachi, senza mascherina e assembrati in piazza: un 23enne viene arrestato (Il video)

  • Schianto fatale contro un platano: donna muore tra le lamiere della sua auto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento