Ospite da amici, ventenne nasconde nel materasso di casa droga e contanti

Un giovane nigeriano è finito in arresto mercoledì dopo essere stato oggetto di una lunga serie di pedinamenti. A farlo notare è stata la continua spola da casa al ritrovo dei pusher

Il cane dell'unità cinofila fiuta lo stupefacente nascosto nel materasso

Tanti, troppi viaggi più volte al giorno verso una zona nota per essere frequentata da spacciatori. Contatti brevissimi, scambi sospetti. Sono gli elementi che hanno spinto la Squadra mobile e le "linci" della sezione Antidroga della polizia a pedinare Pedro Abure fino a stringergli le manette ai polsi.

Gli appostamenti

Il ragazzo, ventenne nigeriano in attesa del permesso di soggiorno per motivi di lavoro, è stato notato per la prima volta giorni fa in prossimità di una palazzina di via Buonarroti all'Arcella, rione San Bellino. Più volte al giorno usciva dall'androne in sella a una bicicletta e raggiungeva una vicina passerella pedonale abituale ritrovo di spacciatori stranieri. IS fermava pochi attimi scambiando furtivamente con i presenti dei piccoli involucri. Tutti elementi che gli agenti hanno osservato per giorni, costruendo una mappa degli spostamenti di Abure identificato come spacciatore al dettaglio ma anche incaricato di rifornire altro pusher sul territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arresto

Lo hanno seguito per l'ultima volta alle 16 di mercoledì quando, una volta rientrato nella palazzina di via Buonarroti, è stato bloccato. Abure ha consegnato loro le chiavi dell'appartamento in cui alloggiava, ospite di una famiglia di conoscenti connazionali. Nella sua camera sono state recuperate 22 buste di marijuana per un totale di 250 grammi nascosti dentro una materasso, oltre a circa 900 euro in contanti. Elementi che hanno cristallizzato i sospetti nei confronti del ventenne portandolo all'arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento a Padova e in Veneto: positive anche due sorelline di 3 e 6 anni

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Uno «strepitoso» test rapido: bastano sette minuti per scoprire se si è positivi al Coronavirus

  • Live - Due decessi sul posto di lavoro, crescono ancora i contagiati in provincia

Torna su
PadovaOggi è in caricamento