Resa dei conti per il ladro seriale: razziava auto e abitazioni, ora lo aspetta il carcere

Un italiano di origine nomade è stato assicurato alla giustizia dopo una lunga serie di colpi tra Veneto, Emilia Romagna e Lombardia. Dovrà scontare una condanna a dieci mesi

La giustizia ha presentato il conto a un ladro seriale recidivo, arrestato ieri dalla polizia.

L'arresto

Gli agenti della squadra mobile hanno rintracciato nella giornata di mercoledì un 63enne italiano di origine Sinti, dando esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal tribunale. Gianni Luvacovich è accusato di una lunga serie di furti di ogni genere commessi in diverse province e località del Nord e Centro Italia. Secondo le accuse avrebbe svaligiato auto, camion in sosta e abitazioni private a Padova, Monselice, Rovigo, Ferrara, Mantova. Gravato da diversi precedenti specifici, è stato trovato e arrestato in un campo nomadi di Agna, nella zona di via Bosco. Accompagnato in carcere, dovrà scontare dieci mesi di prigione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Blocco del traffico, come funziona: il vademecum con tutte le informazioni utili

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

Torna su
PadovaOggi è in caricamento