Resa dei conti per il ladro seriale: razziava auto e abitazioni, ora lo aspetta il carcere

Un italiano di origine nomade è stato assicurato alla giustizia dopo una lunga serie di colpi tra Veneto, Emilia Romagna e Lombardia. Dovrà scontare una condanna a dieci mesi

La giustizia ha presentato il conto a un ladro seriale recidivo, arrestato ieri dalla polizia.

L'arresto

Gli agenti della squadra mobile hanno rintracciato nella giornata di mercoledì un 63enne italiano di origine Sinti, dando esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal tribunale. Gianni Luvacovich è accusato di una lunga serie di furti di ogni genere commessi in diverse province e località del Nord e Centro Italia. Secondo le accuse avrebbe svaligiato auto, camion in sosta e abitazioni private a Padova, Monselice, Rovigo, Ferrara, Mantova. Gravato da diversi precedenti specifici, è stato trovato e arrestato in un campo nomadi di Agna, nella zona di via Bosco. Accompagnato in carcere, dovrà scontare dieci mesi di prigione.

Potrebbe interessarti

  • Tre concorsi pubblici per 100 nuove assunzioni: ecco come iscriversi

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Pfas, prosegue il piano di screening: quasi 52.000 persone invitate e più di 31.000 visitate

  • Consigli e suggerimenti per avere la lavastoviglie pulita e profumata

I più letti della settimana

  • Impatto fatale sul guardrail tra i monti del Trentino: muore motociclista 33enne di Rubano

  • Frontale tra due auto, una finisce nel fosso. Due feriti, donna elitrasportata

  • Si schiantano su un campo dopo lo scontro in autostrada: sei feriti di cui due gravi

  • Deraglia il Tram al capolinea della Guizza: ferito l'autista, contusi i passeggeri

  • Donna rapinata sui Colli: con il marito insegue il bandito, lui li minaccia con un mattone

  • Arresto cardiaco durante l'inaugurazione del "Pride Village": ricovero d'urgenza in ospedale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento