Ubriaco e molesto al bar, rompe un bicchiere e ferisce due agenti

L'uomo è finito in carcere dopo aver aggredito due poliziotti intervenuti in un locale dove, a tarda notte, stava infastidendo gestori e clienti in preda ai fumi dell'alcol

Il locale Pier88 al Bassanello

Controllato all'interno del bar Pier88 sul lungargine Scaricatore, il nordafricano ha dato in escandescenze rompendo un bicchiere e picchiando due agenti.

Reazione violenta

Era l'1.40 della notte tra giovedì e venerdì, mancava meno di mezz'ora alla chiusura del locale, quando alla centrale operativa è arrivata una richiesta di aiuto per tre stranieri molesti. Sul posto sono state dirottate due volanti: mentre una ne rintracciava due all'esterno, dentro il bar i colleghi hanno trovato Makrem Rhimi. Visibilmente ubriaco, alla vista dei poliziotti ha perso la testa gridando di volersene andare. Inutile tentare di calmarlo a parole: dopo aver mandato in frantumi un bicchiere sbattendolo sul tavolo, ha colpito a testate un agente e cercato di buttare a terra l'altro.

La condanna

Grazie al supporto dei colleghi sono riusciti a neutralizzarlo e portarlo in questura, dove è stato identificato e fotosegnalato Dichiarato in arresto per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, venerdì mattina ha subito il processo per direttissima vedendosi convalidare il fermo e finendo in carcere. I due agenti dopo l'intervento si sono fatti medicare al pronto soccorso dove gli sono stati riscontrati traumi e contusioni con prognosi di cinque e sette giorni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento