Le fughe dalla comunità costano il carcere a un 17enne. Gli educatori: «É lui la vittima»

Un minorenne è finito nel penitenziario di Treviso su disposizione della magistratura. Il provvedimento aggrava l'affido a una comunità dove era finito ai domiciliari per le accuse rivoltegli dalla madre. Ma l'associazione Noi lo difende: «Ha dovuto reagire agli abusi»

Intreccia degrado e tentativi di rinascita la storia di Marco (nome di fantasia per proteggere l'identità del minore). Affidato alla comunità gestita dall'associazione Noi - Famiglie padovane contro l'emarginazione, giovedì pomeriggio è stato arrestato e condotto in carcere.

Famiglia difficile

Marco, 17 anni, fino a pochi mesi fa nulla c'entrava con Padova. É cresciuto a Trieste, dove viveva con la madre e due fratelli. Oltre a loro, nel tempo, una serie di compagni e frequentazioni della donna con un tratto in comune: la violenza. In quell'ambiente che mescolava dipendenze fisiche e affettive agli abusi sia psicologici che sulla pelle sono cresciuti i tre ragazzini. Il nucleo familiare è attenzionato da anni dai servizi sociali del capoluogo friulano ed è tutt'ora oggetto di indagini e perizie. Lo è stato anche quando la madre ha denunciato Marco per maltrattamenti perché, a detta della donna, era lui ad alzare le mani verso i parenti.

L'arresto

Le denunce hanno avuto seguito e il tribunale ne ha disposto l'allontanamento da casa e l'affidamento a una comunità socio sanitaria in regime di arresti domiciliari. La destinazione prescelta è stata quella dell'Associazione Noi di Selvazzano. Arrivato qualche mese fa, Marco in più occasioni si è allontanato dall'edificio. Un fatto che, anche per pochi passi, rappresentava una violazione della dentenzione e ha costretto gli educatori a informare servizi sociali e i carabinieri che a loro volta hanno avvisato l'autorità giudiziaria triestina. Nei confronti del minore è stato quindi emesso un ordine di custodia cautelare in carcere reso effettivo con l'arresto di giovedì pomeriggio e il trasferimento al carcere minorile di Treviso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La versione della comunità

Qui finisce la cronaca, ma c'è chi la storia di Marco vuole raccontarla dopo averla vissuta da vicino e non ci sta a farlo passare per criminale. Lo fa Assunta Ciccarelli, responsabile legale dell'associazione. «É vero, Marco è uscito diverse volte dalla struttura allontanandosi per pochi minuti, massimo un'ora. Episodi da poco ma che sulla sua condizione di arrestato hanno avuto un peso diverso». Assodati gli allontanamenti, è il preludio al suo arrivo a Selvazzano a suscitare un grido chiarificatore. «Viene da un contesto familiare degradato e problematico. La madre lo ha denunciato tacciandolo come violento quando invece i suoi comportamenti erano la reazione di difesa ad anni di abusi, in cui ha addirittura cercato di difendere la mamma da uomini violenti» specifica la presidente «Non è il carnefice, ma una vittima. Lo dimostra il fatto che qui ha intrapreso un buon percorso e non è mai stato violento: è un ragazzo con delle difficoltà comportamentali connaturate al suo vissuto, ma non cert un pericolo». Vista la delicatezza della situazione l'augurio degli educatori è venga presto scarcerato, cosa che potrebbe avvenire nel giro di qualche settimana. «Non sappiamo nulla per ora, ma lo aspettiamo a braccia aperte e speriamo torni da noi a finire quel che avevamo inziato insieme» conclude Ciccarelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Ho 31 anni e sono positiva al Coronavirus»: la storia di Silvia, una padovana a Parigi

  • Mascherine Grafica Veneta, da mercoledì 24 la distribuzione in 41 supermercati di Padova

  • Covid: quattro morti in provincia di Padova, anche il custode di Villa Marin

  • Tutto quello che c'è da sapere sul coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • «Chiudiamo i distributori a partire da mercoledì 25»: l'annuncio dei benzinai

  • Covid19, l'aggiornamento serale su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento