Droga e contanti nell'auto dell'amico: bloccato al casello con un etto di cocaina grezza

Si sono aperte le porte del Due Palazzi per un giovane fermato dai carabinieri a bordo di un'automobile al casello di Padova Ovest. Trasportava cocaina, contanti e cellulari sospetti

La cocaina, il denaro e i cellulari sequestrati

Il fermo è scattato alle 21.30 di martedì nell'area antistante il casello autostradale, dove erano appostati i militari del Nucleo Investigativo di Padova impegnati in un servizio contro lo spaccio di droga.

Il controllo

Alla guida della Renault Clio il giovane Sebastiano Alija, 24enne di origine albanese. Appena ha accostato ha dimostrato evidenti segni di nervosismo, che hanno spinto i carabinieri a controllare, oltre ai documenti, anche l'interno del veicolo. Dentro il vano portaoggetti hanno recuperato un voluminoso pacchetto avvolto nel cellophane, che i successivi esami hanno dimostrato essere un "sasso" di cocaina allo stato grezzo (destinata a essere tagliata e suddivisa in dosi). Oltre alla droga, del peso di 105 grammi, il ragazzo aveva anche mille euro in contanti, tre cellulari e sette carte Sim.

L'arresto

Tutto materiale ritenuto legato al traffico di stupefacente, vista anche la quantità di droga sequestrata. L'auto è risultata intestata a un 26enne italiano di Camponogara, che l'aveva prestata al giovane albanese finito in arresto. Alija, precedentemente incensurato, è stato trasferito in carcere a disposizione dell'autorità giudiziaria. Le indagini si concentrano ora sulla provenienza della cocaina, per capire se il 24enne fosse un corriere o avesse un ruolo attivo nello spaccio in città.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento