Violenza sessuale ai danni di una 31enne padovana: arrestato un 42enne tunisino

È successo tra venerdì e sabato: la donna, trovata dai carabinieri in una strada della periferia sud di Padova in evidente stato confusionale, era andata a casa dell'uomo consumando varie sostanze stupefacenti con lo stesso

Una storia intricata. E triste: un cittadino tunisino di 42 anni è stato fermato dai carabinieri di Abano Terme ed è ora accusato di violenza sessuale ai danni du una giovane donna padovana, conosciuta poche ore prima nel capoluogo euganeo.

I fatti

Tutto ha inizio nella tarda mattinata di sabato scorso, quando alla centrale operativa della compagnia dei carabinieri di Abano Terme giunge la segnalazione di un ragazzo che ricevuto da un’amica 31enne padovana sul proprio cellulare una serie di preoccupanti messaggi con cui la giovane, fornendo solo informazioni sommarie sul luogo dove si trovasse, chiede aiuto asserendo di stare molto male e di essere in pericolo. Le pattuglie aponensi e di Albignasego ed i sanitari del 118 si recano quindi nella zona indicata, vale a dire una strada della periferia sud di Padova. E lì trovano la donna, che in evidente stato confusionale racconta l'accaduto: nella serata di venerdì la 31enne gìhaconosciuto (mentre si trovava in un locale della città con degli amici) un ragazzo nordafricano, il quale l'ha convinta a seguirlo prima in zona Arcella e poi nei pressi di una sala Bingo della città. Il tutto assumendo diverse sostanze stupefacenti: cocaina, marijuana e hashish. Ormai non più lucida a causa dell’assunzione di droghe, la donna ha accompagnato il nordafricano fino alla stazione dei treni di Padova e da lì sono saliti insieme su un autobus finendo a casa dell'uomo, dove hanno nuovamente assunto sostanze stupefacenti. A quel punto la donna è andata a dormire da sola in una stanza dell’abitazione salvo però venire raggiunta più tardi dal tunisino, il quale l'ha costretta ad avere un rapporto sessuale malgrado il netto rifiuto: la 31enne ha provato ad opporsi con la forza ma è riuscita solo in un secondo momento a convincere il nordafricano a lasciarla uscire dalla casa. Una volta accompagnata in ospedale dai militari dell'Arma per le cure del caso, la donna ha descritto l'aggressore e la fatiscente abitazione in cui si è consumata la violenza. I carabinieri si sono immediatamente recati nello stabile trovando l'uomo privo di documenti e ancora in possesso di alcuni involucri con residui di hashish e cocaina: si tratta di H.M., tunisino 42enne senza fissa dimora, irregolare e già fermato in svariate occasioni dalle forze dell’ordine, a cui aveva fornito differenti generalità in quanto già indagato per reati in materia di stupefacenti. Lo straniero ha ammesso di conoscere la vittima e di avere trascorso con lei la nottata precedente assumendo droga ma ha negato la violenza. Alla luce del pericolo di fuga, i carabinieri di Abano hanno sottoposto a fermo il tunisino: nella mattinata di martedi il provvedimento restrittivo è stato convalidato e lo straniero è stato condotto nel carcere di Padova.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento