Astronomia, lancio con successo per Gaia: satellite made in Padova

L'evento giovedì dalla base Esa in Guyana francese, seguito dalla città del Santo da un centinaio di docenti e ricercatori. Realizzerà la prima mappa astrometrica della galassia: in 5 anni oltre un miliardo di stelle

Un centinaio di docenti e ricercatori del Dipartimento di fisica e astronomia e dell'Istituto nazionale di astrofisica, raccolti nell'aula magna dell'osservatorio astronomico di Padova, ha rotto con un fragoroso applauso la tensione con cui ha seguito giovedì mattina la diretta dalla Guyana francese del lancio del satellite Gaia, ideato dai ricercatori di Padova, centro di ricerca capofila nel progetto internazionale di mappatura dell'universo. Il lancio è avvenuto con successo da un vettore Soyuz partito dalla base Esa in Guyana francese. Gaia realizzerà la prima mappa astrometrica della galassia, mappando in cinque anni oltre un miliardo di stelle.

IL PROGETTO. Gaia è una missione spaziale del programma scientifico dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA – European Space Agency), ed è attualmente uno dei progetti più importanti per l’astronomia. Con una strumentazione scientifica che consiste in due telescopi con campi di vista diversi e piano focale in comune, una serie di specchi e più di cento Ccd che corrispondono a quasi un miliardo di pixel, Gaia scansionerà continuamente tutto il cielo sfruttando i moti di rotazione e di precessione del satellite: ogni zona del cielo viene osservata circa settanta volte durante la vita operativa del satellite.

ASTRONOMIA PUNTA DI DIAMANTE PER PADOVA. “Padova si conferma città che attraverso la scienza sa stare da protagonista sullo scenario internazionale - ha commentato il sindaco reggente di Padova Ivo Rossi, presente alla diretta nell'aula magna dell'osservatorio - Il lancio del satellite Gaia conferma quanta innovazione di qualità la nostra città sappia esprimere. Dobbiamo essere orgogliosi della capacità di competere con le migliori menti al mondo dei nostri ricercatori. Nonostante alcuni di essi abbiano lavorato in questi anni in un regime di precariato dei propri contratti, stanno continuando a mantenere alta la tradizione dello studio padovano, che vede nell'astronomia una delle sue punte di diamante”. “Siamo estremamente lieti e compiaciuti di questa ennesima testimonianza della eccellente tradizione degli studi aerospaziali padovani – ha aggiunto Giuseppe Zaccaria, rettore dell’università di Padova – il nostro Ateneo ha avuto su questa frontiera in Bepi Colombo una delle più prestigiose ed autorevoli rappresentanze nello scenario del pionierismo astronautico, ma il risultato odierno spiega nei fatti come ancora oggi gli scienziati padovani di queste materie godano di meritata reputazione internazionale”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trattore trancia un tubo di gasolio: la perdita fa scoprire l'allacciamento abusivo

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Vintage Festival, festa dell’uva e del vino, incontri culturali e sagre: il weekend a Padova

  • Evasione fiscale: le fiamme gialle confiscano 500mila euro di beni a un imprenditore

  • Curva ad alta velocità, auto sbanda e si rovescia di prima mattina: ferita una donna

  • Auto esce di strada dopo essersi cappottata più volte: tre feriti, uno è grave

Torna su
PadovaOggi è in caricamento