Attacco hacker durante il referendum: disagi anche per la sanità e nelle farmacie

Il blocco dei sistemi informatici avvenuto domenica sera ha avuto pesanti ripercussioni lunedì mattina sia nell'Usl 6 Euganea sia all'Azienda ospedaliera

L’attacco hacker che domenica ha provocato pesanti disagi durante lo spoglio del referendum per l’autonomia avrebbe avuto ripercussioni anche sull’Usl 6 Euganea e in parte sull’Azienda Ospedaliera. Come riporta il Mattino di Padova, il baco che ha intaccato i server, ha colpito anche il sistema di trasmissione informatico della sanità.

I DISAGI

Lunedì i maggiori disagi si sono avuti nell’anagrafe regionale unica dei distretti socio sanitari dove sono registrati tutti i cittadini. La prima conseguenza sono state decine di prestazioni saltate e rinviate e anche le prenotazioni. Problemi poi per le farmacie e le ricette informatiche che non sono state inviate o ricevute, con gli utenti che avevano bisogno di medicinali urgenti in grave difficoltà. Disagi anche per i molti bambini che dovevano vaccinarsi. I dipendenti dell’Usl 6 sono dovuti ricorrere ai vecchi sistemi cartacei ove questi fossero disponibili. Negli ambulatori disagi per gli screening oncologici e cardiovascolari. La situazione è tornata alla normalità solo nel pomeriggio, quando ambulatori e farmacie hanno potuto ricominciare a lavorare normalmente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Coronavirus: morto Adriano Trevisan, altri 9 casi accertati a Vo'. Università chiuse

  • Michele, con la famiglia in isolamento per senso di comunità

  • Cani e proprietari: emergenza Coronavirus, come comportarsi col proprio animale

  • Coronavirus: primi due casi sospetti nel Padovano, l’ospedale di Schiavonia verrà svuotato

  • Coronavirus, la lettera del sindaco Giordani ai padovani

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: nuovi casi in provincia, individuato il possibile "paziente zero". Scuole, università, uffici chiusi

Torna su
PadovaOggi è in caricamento