Pretende di bere, al rifiuto parte la sfuriata: bar sottosopra e verti in frantumi

Gli agenti sono sulle tracce dello straniero protagonista di una violenta scenata in un locale di Mortise. A scatenare la sua ira, il rifiuto del barista di servirgli altri alcolici

Il bar Eden dove si è consumata la scenata

Si è conclusa con diversi danni e una sfuriata che ha lasciato senza parole i pochi clienti e il gestore del bar Eden di via Madonna della Salute.

Bar a soqquadro

Poco prima della mezzanotte di martedì nel locale si è presentato un uomo nordafricano. Probabilmente già alticcio, ha consumato un paio di bicchieri ma quando ha insistito per avere ancora da bere il titolare ha rifiutato. Il cliente era ormai ubriaco e il proprietario non ha voluto servirgli altri alcolici. Invece di incassare il colpo, lo straniero ha perso la testa. Gridando ha rovesciato i tavolini e le sedie, finendo per scheggiare una vetrina. Non contento è uscito in strada e si è accanito sull'auto del barista, mandando in frantumi il parabrezza.

I rilievi

A quel punto, alle 0.30, è stato chiesto l'intervento della polizia ma appena ha capito di essere nei guai il vandalo è scappato a piedi. Repertati i danni, gli agenti hanno raccolto l'identikit del fuggiasco che pare essere un volto noto in quartiere. Ora sono sulle sue tracce, per inchiodarlo alle sue responsabilità. Nonostante il locale danneggiato, nessuno è rimasto ferito.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento