È finita la corsa per l'Audi gialla, trovato il bolide carbonizzato: banditi "volatilizzati"

Ritrovata in fiamme, nel corso della serata di lunedì, la fuori serie più ricercata del Veneto. Il mezzo è stato abbandonato ad Asolo (Treviso). La caccia ai suoi occupanti rimane aperta

L'Audi gialla carbonizzata (foto vigili del fuoco)

La caccia all'Audi RS4 gialla è finita. La fuori serie che da giorni seminava il panico sulle strade del Nordest, tenendo in perenne stato d'allarme le forze dell'ordine, è stata ritrovata carbonizzata nel Trevigiano, tra Asolo e Onè di Fonte, in aperta campagna a Riva al Muson vicino ad un torrente. A dare l'allarme delle fiamme, alcuni cittadini del luogo che hanno immediatamente chiamato i vigili del fuoco. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri, che hanno accertato si trattasse proprio della famigerata Audi gialla. Nessuna traccia, invece, dei misteriosi banditi, che, sentendosi braccati, hanno deciso di abbandonare la vettura e darle fuoco. 

L'AUDI GIALLA. La “leggenda” dell’Audi Rs4 da 400 cavalli con motore Lamborghini era iniziata il 26 dicembre scorso all’aeroporto di Malpensa, dove i tre malviventi l'avevano rubata ad un cittadino svizzero. Da quel momento era stato un susseguirsi di rapine, inseguimenti e sparatorie. I banditi hanno fatto fuoco la prima volta sabato 16 gennaio, ad Abano Terme, poi ancora il giovedì successivo nel Triestino. Nelle ore a seguire, le folli manovre dei banditi hanno messo a dura prova le forze dell'ordine, nonostante l'utilizzo di tutte le forze possibili, inclusi gli elicotteri. Treviso, Padova, Vicenza. Collina, lago, pianura. Dopo l'incidente mortale in autostrada, la fuga contromano dei delinquenti sul Passante, i furti, i conflitti a fuoco, l'incubo dell'Audi gialla si è trasformato in una vera e propria psicosi.

PSICOSI. Nel tentativo di dare una mano alle forze dell'ordine - sono stati impegnati uomini di Veneto, Lombardia, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna - i coittadini hanno iniziato ad intasare i centralini con segnalazioni da ogni dove. Su Facebook sono nate svariate pagine proprio allo scopo di postare foto, filmati, segnalazioni che potessero essere utili a rintracciare i banditi. Una vera e propria psicosi, appunto, che, inevitabilmente, ha generato anche parecchia confusione. Ora il bolide è stato trovato, disintegrato. Mai suoi occupanti sono ancora a piede libero. Nei loro confronti, la procura di Padova ha aperto un'indagine per furto, ricettazione e guida pericolosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Inferno in autostrada: esplode tir, carbonizzato l'autista, feriti due lavoratori

  • Tragedia in serata: uomo azzannato dai suoi rottweiler viene trovato senza vita dalla compagna

  • Sorpresa dalle previsioni meteo: neve in arrivo anche a Padova e provincia?

  • Scopre due persone che dormono nel suo garage: una era la proprietaria dell'immobile

  • Rubano un'auto con dentro un bimbo e si schiantano: tre ladri in manette, erano ubriachi

  • Insulti, botte e offese: il video-shock dei minuti successivi al furto dell'auto col bimbo dentro

Torna su
PadovaOggi è in caricamento