Aziende di Grantorto condannate per aver copiato dei brevetti

Il Tribunale di Venezia ordina a tre ditte padovane di versare un milione e mezzo di risarcimento alla Daliform Group di Gorgo al Monticano (Treviso)

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Grazie ai suoi brevetti ha realizzato importanti lavori infrastrutturali, che hanno reso il lavoro più semplice ad architetti del calibro di Renzo Piano, Paolo Portoghesi, Mario Botta, Zaha Hadid, Libeskind, Arata Isozaki, Jean Nouvel e molti altri.

Brevetti talmente innovativi che sono stati copiati da un terzetto di aziende padovane condannate ora - dopo una causa civile durata sei anni per contraffazione, concorrenza sleale e lite temeraria - a risarcire un milione e mezzo alla Daliform Group di Gorgo al Monticano (Treviso) che si era rivolta al Tribunale di Venezia per la tutela del proprio ingegno. Le aziende padovane sono state inibite ad utilizzare ogni forma di comunicazione legata ai prodotti Nautilus, Nautilus Evo ed Elevetor. La sentenza è stata pubblicata il 29 settembre 2016 e dunque ora è di pubblico dominio.

Torna su
PadovaOggi è in caricamento