Bandiera della Serenissima con leone di San Marco non entra in curva: protestano gli ultras

L'episodio domenica prima di Padova-Sud Tirol: uno steward, su indicazione della questura, ha vietato l'ingresso del vessillo ritenuto "venetista" dalle forze dell'ordine

La Tribuna Fattori senza gli striscioni

Divieto assoluto di portare bandiere con il leone di San Marco, simbolo del Veneto, allo stadio. Un singolare episodio si è verificato domenica in Tribuna Fattori, nella parte calda del tifo biancoscudato durante l'accesso del pubblico all'impianto in vista del match Padova-Sud Tirol poi perso 0-1 dai padroni di casa. Durante il prefiltraggio a un ventenne, che non fa parte dei gruppi organizzati si trovava con il padre, è stato impedito di portare all'interno una bandiera della Repubblica Serenissima di Venezia con il simbolo del leone di San Marco.

La reazione dei tifosi

In segno di protesta gli ultras del Padova sono rimasti in silenzio per i primi cinque minuti, esponendo poi in balaustra solo una bandiera con la croce rossa e un'altra, ironia della sorte, proprio della Regione Veneto, che evidentemente è sfuggita al controllo degli steward. Durante la partita è stato scandito il classico coro "Bastardi noi siamo il Veneto" che fa parte del repertorio canoro della Fattori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il regolamento

In attesa delle reazioni politiche, la questura ha precisato che da oltre dodici anni il regolamento dell'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive permette di introdurre negli stadi solo bandiere e striscioni preventivamente autorizzati. Prima del match i rappresentanti autorizzati dalla società calcistica devono presentare richiesta al Gruppo operativo sicurezza, che comprende rappresentanti del questore, dei vigili del fuoco, del servizio sanitario, del delegato alla sicurezza degli impianti e della squadra medesima. Solo in caso di risposta affermativa, gli striscioni posso essere portati all'interno. Sugli spalti e in tribuna sono consentite bandiere con i colori delle squadre in campo. Nonostante lo "stop" allo stendardo della Serenissima, il vessillo non è stato sequestrato. Anche mercoledì sera, durante la partita di Coppa Italia Padova-Vicenza sempre all'Euganeo, solo i materiali con i colori dei due team sono stati ammessi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Nuovi contagi anche nel Padovano, Luca Zaia avverte: «C'è poco da scherzare»

  • Coronavirus, Zaia: «Nuovi positivi e isolamenti, indicatori non buoni: siamo nella "fase limbo"»

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Rovesci e forti temporali in arrivo in tutto il Veneto: "allerta gialla" della Protezione Civile

  • Pauroso incendio in un complesso residenziale: fiamme domate dai pompieri dopo ore

  • Dramma domenica mattina alle Terme: spara alla moglie e poi si uccide

Torna su
PadovaOggi è in caricamento