Il bilancio annuale della polizia: drastico calo dei reati e duri colpi al traffico di droga

Mentre diminuiscono i reati e aumentano gli arresti, il questore fa il punto sulle operazioni più significative e strizza l'occhio al futuro e alla nuova sede in via Anelli

Tempo di bilanci per la polizia, con il questore Paolo Fassari a rendere noti numeri e risultati ottenuti nel 2018. Dalla nuova sede al contrasto del narcotraffico, fino al calo dei reati. 386 gli arresti, 60mila le segnalazioni e più di 50mila controlli in strada con 600 persone sanzionate per guida in stato di ebbrezza.

Furti, spaccate, omicidi

Diminuiscono del 7% dei reati complessivi. Spicca il -21% dei furti negli esercizi commerciali in cui rientrano le spaccate che hanno contribuito a creare un diffuso senso di insicurezza. Sentore ingiustificato, perché tali effrazioni sono passate dalle 898 nel 207 alle 709 di quest'anno. In netto calo anche le rapine nei negozi (-32%) e in abitazione (-8%). Fiore all'occhiello nell'ambito delle spaccate sono gli arresti di Amor Ben Lazar Torch (10 ottobre), Alassane Diop (6 settembre) e Luca Smania (16 ottobre). Nessuna rapina violenta a obiettivi sensibili (banche, uffici pubblici) e dati confortanti per i reati gravi. Un solo omicidio, il 5 luglio all'Euganeo con l'arresto del killer filippino pochi minuti dopo l'uccisione di un connazionale. Due i tentati omicidi, un accoltellamento in via Zabarella il giorno di Sant'Antonio e un pestaggio in piazza Garibaldi il 3 luglio con i responsabili finiti in manette in pochi giorni.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Ottimi risultati nella lotta allo spaccio

Rilevanti anche i dati relativi al contrasto dello spaccio di stupefacenti, che resta uno dei crimini più diffusi. 234 i chili di droga sequestrati nei vari servizi tra cui spicca l'operazione “Bitcoin” che ha messo in scacco la cupola della droga padovana orchestrata da Emanuele Lovato. 23 gli arrestati, l'ultimo pochi giorni fa, e un centinaio i chili di stupefacente sequestrati. Tassello fondamentale l'arresto a giugno del corriere 20enne Franceso Di Maria, bloccato a Limenella con 11 chili di droga che ha portato al ritrovamento di un deposito nel Milanese. Identico copione a febbraio, con il sequestro di 88 chili di droga scovati nell'auto di un moldavo al casello Padova Ovest.

Espulsioni e violenza di genere

E nell'ambito della lotta allo spaccio si inseriscono anche i controlli straordinari tra i Giardini dell'Arena e passeggiata Miolati. 256 i provvedimenti di espulsione e quasi 30mila i permessi di soggiorno rilasciati, con 75mila stranieri regolari attualmente sul territorio e 301 richiedenti asilo accettati (a fronte di 2.500 richieste pendenti). 12 i daspo sportivi e 17 quelli urbani, 11 persone ammonite per stalking e 12 per violenza di genere. E contro la violenza sulle donne la questura è scesa in prima linea con diverse iniziative, ultima in ordine di tempo quella del 24 novembre nell'ambito della giornata internazionale.

Gioco d'azzardo

Grande attenzione ai locali pubblici e al gioco d'azzardo. Otto le licenze sospese e una spinta importante con il primo sequestro preventivo di macchine per scommesse in una nota sala giochi dell'Arcella più volte sanzionata per irregolarità. «Aspettiamo un regolamento comunale in merito alla distanza delle sale giochi dai luoghi sensibili, per poter far valere al meglio le competenze della questura in merito al rilascio e la revoca delle licenze» afferma Fassari.

Estremisti e centri sociali

Negli ultimi mesi più di qualche subbuglio ha interessato il Palestro, dove il 27 luglio è stata sgomberata la sede di InfoSpazio Chinatown che occupava abusivamente uno stabile Ater. A settembre si è rischiato lo scontro in via Melette, dove si è presentato un drappello di estremisti di destra fronteggiati dagli antagonisti: grazie alla mediazione degli agenti non ci sono stati contatti. Momenti di tensione anche l'8 settembre in piazza Antenore con dieci attivisti denunciati per aver cercato di impedire un comizio di Forza Nuova.

Taser

Il questore si è dimostrato entusiasta anche per l'introduzione del taser. Prima di adottarlo quasi 30 agenti erano rimasti feriti fronteggiando criminali violenti, numero drasticamente ridotto con la pistola elettrica. Due le persone neutralizzate con i dardi, mentre ad altre tre è bastato mostrarla per farle arrendere. Sempre senza conseguenze sulla salute. Soddisfazione anche per la gestione dell'ordine pubblico ai grandi eventi musicali e sportivi, dal match internazionale di rugby Italia-Australia ai maxi concerti di Vasco Rossi e Pearl Jam. La macchina organizzativa è stata imponente e impeccabile. Fa ben sperare la collaborazione con il Comune per il nuovo impianto di videosorveglianza dell'Euganeo, ormai completo.

Nuova questura

Fassari ha tenuto a fare il punto anche sugli aspetti logistici, una delle prime criticità riscontrate al suo arrivo a Padova nel novembre 2017. Tra i risultati più apprezzati la firma del protocollo per la nuova questura in zona Stanga, più funzionale e raggiungibile. L'ufficio immigrazione potrebbe trovare una nuova collocazione già nei prossimi mesi. É anche previsto un incremento del personale grazie allo sblocco delle assunzioni. L'ultimo grande appuntamento dell'anno per la polizia sarà la festa di Capodanno in Prato della Valle. «Non ci sono allerte particolari al momento» rassicura il questore «La sorveglianza sarà alta, ma quel che preme sottolineare dopo i tragici fatti di Corinaldo è la necessità di nuovi sistemi automatici per la conta del pubblico nei locali e alle manifestazioni. Un segno di civiltà indispensabile».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camerieri di un ristorante del centro pestati a sangue: mascella distrutta per uno dei due

  • Tre acconciature da fare prima di andare a letto per avere boccoli morbidi e voluminosi al mattino

  • Sangue sulle strade padovane: frontale auto-furgone, un morto e due feriti

  • Luca Zaia attacca Poiana: «Non si può andare in tv a sputtanare il Presidente della Regione, ditelo a Pennacchi»

  • Clio all'ombra del Santo: apre a Padova il temporary store della celebre make-up artist

  • Parto di emergenza riuscito alla perfezione: la "nascita-lampo" di Ginevra a Camposampiero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento