Moretti Grand Cru: menzione per le "Sarde in saor... Baffo d'Oro" dello chef di Villatora

Tra i finalisti del concorso nazionale Marco Volpin, cuoco del ristorante "Le Tentazioni"

Marco Volpin alla premiazione e il suo piatto

Marco Volpin, chef del ristorante "Le Tentazioni" di Villatora di Saonara, si è aggiudicato la menzione speciale per la “Miglior interpretazione della birra come ingrediente” con il piatto: Sarde in saor... Baffo d'Oro, nell’ambito della finale della sesta edizione del premio Birra Moretti Grand Cru, il concorso nazionale per chef e cous-chef under 35, promosso da fondazione Birra Moretti e realizzato in collaborazione con Identità Golose. Vera e propria piattaforma di scouting nel panorama della ristorazione d’autore, il concorso ogni anno mette alla prova tanti talenti culinari invitandoli a ideare e creare piatti utilizzando la birra fra gli ingredienti e in abbinamento.

LA MOTIVAZIONE DELLA GIURIA. Il riconoscimento è stato assegnato lunedì a Milano al termine di un’emozionante performance live durante la quale i 10 giovani finalisti (provenienti da tutta Italia e selezionati fra 120 partecipanti iniziali) si sono dati battaglia nelle cucine di Alice Ristorante, da Eataly Milano Smeraldo, sfidandosi, piatto dopo piatto, davanti a una giuria composta dai grandi maestri della ristorazione d’autore. Giuliano Baldessari, chef del ristorante AquaCrua e primo vincitore del premio Birra Moretti Grand Cru (2011), ha letto la motivazione: “Rifacendosi a una ricetta tipicamente tradizionale ha evocato le sue peculiarità, ma l’ha trasformata in un piatto molto moderno con tecniche attuali sviluppando sensazioni e sapori conosciuti in forme nuove”.

BIOGRAFIA. Marco Volpin muove i primi passi in cucina ad Abano Terme per poi trasferirsi a Londra, lavorando da Fiore e poi da Zafferano (1 stella Michelin). La svolta è nel 2007 con l’esperienza al FatDuck di HestonBlumenthal (3 stelle Michelin) dove ha potuto arricchirsi in tecniche e in conoscenza del gusto. Mosso dal desiderio di apprendere di più, la Spagna gli ha offerto due occasioni importanti nelle cucine di Martin Beratesegui e QuiqueDacosta. Oggi la sua cucina è il risultato di queste esperienze e viaggi con un tocco di creatività personale. La ricetta Sarde in Saor… Baffo D’Oro è concepita proprio in quest’ottica: modernità e tradizione.

GLI ALTRI FINALISTI. Oltre a Marco Volpin, ecco gli altri 9 finalisti:

•    Alberto Basso, classe 1984, chef del ristorante 3Quarti di Spiazzo di Grancona (VI)
•    Francesco Brutto, classe 1988, chef del ristorante Undicesimo Vineria di Treviso 
•    Luca Cappellari, classe 1990, sous-chef del ristorante Essenza di Milano 
•    Federico Delmonte, classe 1981, chef del ristorante Chinappi di Roma 
•    Natalia Irazoqui, classe 1980, sous-chef del ristorante Minerva di Villa Rosa di Martinsicuro (TE) 
•    Michele Lazzarini, classe 1991, sous-chef del ristorante St. Hubertus di San Cassiano in Badia (BZ)
•    Giuseppe Lo Iudice, classe 1987, chef del Retrobottega di Roma
•    Andrea Paiardi, classe 1995, sous-chef dell’Antica Osteria Magenes di Barate di Gaggiano (MI)
•    Giovanni Pellegrino, classe 1995, chef del ristorante Bros' di Lecce

PRIMO PREMIO. Il vincitore assoluto di questa sesta edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru è stato Giuseppe Lo Iudice, chef del Retrobottega di Roma con il piatto Banana ‘s’maltata.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Blocco del traffico, come funziona: il vademecum con tutte le informazioni utili

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

Torna su
PadovaOggi è in caricamento