Negò residenza ex prete accusato di pedopornografia: Bitonci assolto

Il senatore leghista, all'epoca dei fatti sindaco nell'Alta padovana, aveva detto "Questo non è persona gradita a Cittadella" nei confronti dell'ex religioso Dino Cinel, per uno scandalo risalente agli anni '80 negli Usa

"Oggi sono stato #assolto", esulta così, cinguettando su Twitter tutta la propria soddisfazione, il senatore leghista Massimo Bitonci dopo l'esito del processo che lo vedeva accusato del reato di diffamazione nei confronti dell'ex prete Dino Cinel.

IL VERDETTO DEL GUP. Bitonci, che all'epoca dei fatti, nel 2010, ricopriva ancora il ruolo di sindaco di Cittadella, aveva negato la residenza nel proprio comune all'ex religioso dichiarando "questo non è persona gradita a Cittadella" per via di uno scandalo di pedopornografia che aveva investito il prete negli anni '80 negli Usa, accusa per la quale la giuria americana lo dichiarò non colpevole, secondo quanto riportato nella stessa querela presentata dal legale di Cinel. Giovedì, il giudice dell'udienza preliminare del tribunale di Padova Cristina Cavaggion ha assolto Bitonci "perchè il fatto non costituisce reato".

Potrebbe interessarti

  • I rimedi naturali per allontanare api, vespe e calabroni senza danneggiare l’ambiente

  • Sempre più in alto: l'Università di Padova scala 15 posizioni nella classifica mondiale degli atenei

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

  • 600 nuovi letti di ultima generazione per l'ospedale di Padova

I più letti della settimana

  • Si ferma per far attraversare un pedone e viene centrato: muore un motociclista

  • Distrutte 200 vigne di prosecco: grave atto vandalico nella Bassa Padovana

  • Drammatico scontro tra un'auto e una moto: 28enne elitrasportato, è gravissimo

  • Vola dal terzo piano e si schianta in giardino: cadavere scoperto da un vicino

  • Una “concentrazione” d'oro: “I tre Forcellini” sbancano “Reazione a Catena”

  • Shock in stazione: dodici "morti" avvolti dai teli bianchi all'esterno dell'ingresso

Torna su
PadovaOggi è in caricamento