Marijuana tra il mais e discariche abusive: la lotta al crimine arriva dal cielo

Non solo verifiche sul campo: il reparto forestale ha pattugliato in elicottero il corso del Brenta tra il capoluogo e l'Alta per scovare coltivazioni di canapa e rifiuti abbandonati

I carabinieri scendono in campo per la salvaguardia ambientale. O per meglio dire salgono, perchè l'ultimo pattugliamento intensivo si è svolto in volo, per scovare discariche abusive e piantagioni illegali.

I risultati del controllo

Nell'operazione di lunedì 27 agosto i forestali di Cittadella sono stati supportati dal Nipaaf (Nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale) e dagli elicotteristi di Belluno. L'area passata al setaccio è quella che costeggia il corso del Brenta da Padova a Cittadella. Occhi puntati sulle coltivazioni di marijuana, spesso mimetizzate tra le piantagioni di mais: nei prossimi giorni saranno intensificate le verifiche dopo l'individuazione di un possibile sito sospetto. Il monitoraggio ha rilevato anche tre presunte discariche abusive con rifiuti edili e speciali, potenzialmente pericolosi, che richiederanno verifiche specifiche.

La lotta ai reati ambientali

Il tema della protezione ambientale è particolarmente curato dai carabinieri forestali, soprattutto per quanto riguarda le aree di pregio naturalistico e a rischio che rientrano nel progetto “Natura 2000”. Nel 2017 i pattugliamenti aerei hanno permesso di trovare e sequestrare 150 chili di marijuana e arrestare due persone nelle campagne di San Pietro in Gu.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Tremendo frontale tra un'utilitaria e un camion, una donna muore nello schianto

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento