Carcere, secondo l'autopsia il 21enne si è suicidato

L'autopsia effettuata sul corpo del giovane uomo di origini marocchine che giovedì si è suicidato conferma che gli unici segni sul corpo sono quelli lasciati dai lacci delle scarpe per suicidarsi

Gli esami autoptici condotti sul corpo del 21enne marocchino che giovedì si è suicidato nella casa circondariale di Padova hanno confermato che gli unici segni presenti sul corpo sono quelli lasciati dai lacci di scarpe usati dall'uomo per impiccarsi. Perde corpo così l'ipotesi che all'origine del decesso ci potesse essere stato un maltrattamento in cella.

I SOSPETTI. Scenario che aveva originato ieri notte la rivolta di almeno 200 detenuti i quali, tra le 18 e le 21.30, si erano rifiutati di cenare e di rientrare nelle celle dopo l'ora d'aria. Il pm Federica Baccaglini continuerà comunque anche la prossima settimana a sentire alcuni dei detenuti che hanno protestato ieri sera, sostenendo che all'origine del decesso ci fosse tutt'altro che un suicidio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Blocco del traffico, come funziona: il vademecum con tutte le informazioni utili

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

Torna su
PadovaOggi è in caricamento