Cerimonia del 111esimo anniversario dell'uccisione dell’appuntato Angelo Galletti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Si è svolta il 31 marzo la commemorazione del 111° anniversario dell'uccisione dell'appuntato dei carabinieri Angelo Galletti alla cui memoria, nel 1907, fu realizzato il monumento presente in via Tiso da Camposampiero, affinché Padova tutta potesse serbare, nel futuro, la memoria dell'eroe fra quelle degli uomini che più della vita assai pregiarono il proprio dovere e che, quindi, devono sempre essere additati quali esempio di virtù e di coraggio.

All'eroe è stata anche intitolata, sin dal 2008, la sede della locale Sezione dell'Associazione nazionale Carabinieri sita in via delle Cave, n.178.

Erano presenti alla commemorazione: il sig. Riccardo Galletti, pronipote dell'eroe, don Marco Galletti, figlio di Riccardo, attualmente Coordinatore della Pastorale in città e parroco dell'unità pastorale Arcella, il Comandante della Compagnia Carabinieri di Padova, Magg. Antonello Sini; il Comandante della Stazione Carabinieri Prato della Valle, Lgt Giancarlo Merli, rappresentanze dell'arma in servizio, il presidente della Sezione di Padova dell'Associazione Nazionale Carabinieri, Maresciallo Osvaldo Cestaro, i componenti del Consiglio Direttivo dell'Associazione Nazionale Carabinieri di Padova e una rappresentanza di soci e di Benemerite in uniforme sociale e di Volontari del Gruppo di Volontariato in uniforme operativa sempre dell'Associazione Nazionale Carbonieri di Padova; presenti inoltre abitanti della città e del Borgo della Paglia venuti ad assistere alla cerimonia.

Di seguito è riportata la motivazione della ricompensa, Medaglia d'Argento al Valor Militare, conferita all'Appuntato Galletti: "Inseguì per lunghissimo tratto un pericoloso malfattore che sparava colpi di rivoltella contro quanti tentavano contrastargli il passo, e, raggiuntolo, impegnò con esso fiera colluttazione, finché cadde vittima del proprio dovere". Luogo e data del fatto: Padova, 31 marzo 1906; Data concessione: Regio Decreto - 15 luglio 1906.

Torna su
PadovaOggi è in caricamento