L'uomo che ha sparato in via Lagrange chiede scusa agli italiani: era in stato confusionale

Il malvivente, tunisino nato in Libia, si è giustificato dicendo: da tempo prendo delle droghe fortissime

Il trentanovenne libico-tunisino arrestato dai carabinieri in via Lagrange ha chiesto scusa agli italiani per aver sparato in aria con una pistola scacciacani senza tappo rosso. Come riportano i quotidiani locali, B. Q., padre di un bambino, è comparso lunedì mattina davanti al giudice per il rito direttissimo spiegando di aver compiuto quel gesto mentre era in stato confusionale.

LA DROGA. Per giustificare il gesto ha confessato problemi di droga: "Da tempo faccio uso di una sostanza fortissima" ha detto. Al momento del gesto l'uomo è stato visto in stato confusionale ed è stato bloccato. Il fermo è stato confermato, lo straniero è stato scarcerato e dovrà presentarsi tutti i giorni a firmare dai carabinieri. Verrà giudicato il 14 luglio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento