CIA-Agricoltori: «Interventi urgenti, la pioggia incessante sta distruggendo il lavoro degli agricoltori padovani»

«La pioggia incessante sta distruggendo il lavoro degli agricoltori padovani. 30 mila ettari di mais a rischio, frutteti distrutti, campi allagati. Non si riesce a sfalciare, l’alimentazione animale è messa a rischio, e 30.000 ettari di mais potrebbero andare in fumo»

«La pioggia incessante sta distruggendo il lavoro degli agricoltori padovani. 30 mila ettari di mais a rischio, frutteti distrutti, campi allagati. Non si riesce a sfalciare, l’alimentazione animale è messa a rischio, e 30.000 ettari di mais potrebbero andare in fumo». Sono molto preoccupati gli agricoltori di tutta la provincia di Padova e per questo hanno deciso di farsi sentire.

CIA-Agricoltori italiani di Padova

La CIA-Agricoltori italiani di Padova chiede infatti interventi urgenti alle istituzioni, per questo ha diffuso questa nota: «Dall’alta alla bassa padovana, tutta l’agricoltura della provincia sta subendo conseguenze gravissime in seguito alle piogge incessanti di queste settimane. Non si riesce a seminare, e chi lo ha già fatto, non riesce a raccogliere, e chi raccoglie, distrugge il terreno. Un disastro senza precedenti, che avrà ripercussioni anche negli anni futuri. In particolare, nella parte settentrionale di Padova, vocata al foraggio e all’allevamento, si riscontra un serio problema con il mais : attualmente non è possibile procedere con la semina, e chi lo abbia fatto in precedenza, non riesce a raccoglierlo. Inoltre, per ciò che riguarda lo sfalcio, si registra un ritardo irrecuperabile: “Siamo fermi al primo sfalcio quando, ai primi di giugno, dovremmo essere già al terzo – dichiara Manuel Tollio, Presidente CIA Zona Cittadella -. Questo, sia per ciò che riguarda il servizio di manutenzione del verde pubblico che fa capo a diverse aziende agricole, sia per ciò che riguarda la raccolta del fieno, indispensabile per l’alimentazione animale”. Il cambio di temperature annunciato nei prossimi giorni non cambierà la sostanza della situazione: si registrerà comunque una riduzione sensibile nella quantità di fieno, che si prevede pari almeno al 40%, e anche nella qualità, costringendo le aziende ad acquistarlo altrove, aumentando ulteriormente i costi di produzione».

Bassa padovana

«Le cose non vanno meglio nella bassa padovana, dove vigneti, campi coltivati a ortaggi, e frutteti sono letteralmente devastati dalla pioggia, che sta asfissiando il terreno: “E’ una tragedia – racconta Mirko Pittaro, imprenditore agricolo che si dedica alle piante da frutto -. Non cresce più niente, marcisce tutto, e aumentano le malattie dovute agli sbalzi di temperatura. Per quanto riguarda la mia azienda, quest’anno la produzione sarà ridotta come minimo del 50%”. La pioggia continua a scendere impietosa, e gli agricoltori passano parte delle loro giornate ad aspirare l’acqua dai capi con le turbine, e scaricarla nei fossi. “Nella Saccisica ci sono zone poste sotto la falda che sono completamente sommerse di acqua – dice Paola Franceschin, Presidente di CIA Zona Piove di Sacco -. Non si semina, non si raccoglie, e chi si trova costretto a farlo sa già cosa lo aspetta l’anno prossimo. Il calpestio compatta il terreno, la cui struttura molecolare viene compromessa. Di conseguenza, sarà più difficile da trattare, e subirà una riduzione delle sostanze nutritive”.

Danni

Un danno che sembra non avere fine: “Siamo di fronte ad un’emergenza – dichiara il Direttore di CIA Padova, Maurizio Antonini -. I cambiamenti climatici in atto stanno impoverendo i terreni, vanificando il lavoro di anni dei nostri agricoltori, mettendo a rischio l’alimentazione della cittadinanza. Chiediamo alle istituzioni di intervenire con urgenza, perché agricoltori e allevatori non ce la fanno più”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vive in casa con il cadavere del fratello, morto da tre mesi: dramma nella Bassa Padovana

  • Si fa accreditare oltre 11mila euro cambiando l'Iban sulla fattura, ma il trucco online viene scoperto

  • Dramma lungo la ferrovia: trentenne muore sotto il treno vicino alla stazione

  • Vede lo scooter a bordo strada, non si accorge dell'uomo a terra e lo travolge: un morto

  • Fuggi fuggi all'Ikea: scatta l'allarme antincendio, negozio evacuato a tempo di record

  • Badante ubriaca colpisce a calci e pugni una 90enne: il vicino sente le grida e dà l'allarme

Torna su
PadovaOggi è in caricamento