La cartomante adescatrice torna a colpire: Maga Marghot spilla 20mila euro a un 60enne

La 60enne protagonista negli ultimi vent'anni di numerosi processi per truffa e circonvenzione di incapace è stata denunciata per il raggiro di un altro padovano

Torna alla ribalta la Maga Marghot, la cartomante già protagonista di una sfilza di vicende giudiziarie accusata di truffa e circonvenzione di incapace.

Truffatrice seriale

La donna, L.D.S. 60enne originaria dell'Alta Padovana, è volto noto per la sua partecipazione una decina di anni fa a un programma televisivo locale, ma è altrettanto nota alle forze dell'ordine per le numerose querele e sentenze collezionate negli anni. Mercoledì l'ultimo episodio, con l'ennesima denuncia per circonvenzione di incapace emessa dai carabinieri di San Martino di Lupari.

L'ultima vittima

La sedicente maga, in arte Maga Marghot, è stata deferita per una vicenda risalente al 2017. Tra ottobre e dicembre la donna avrebbe adescato un padovano 63enne fingendosi innamorata di lui e, secondo il consueto copione, circuendolo con promesse di matrimonio e offerte sessuali per convincerlo a consegnarle del denaro. In quell'occasione era riuscita a spillare alla vittima 19mila euro prima che questi si rivolgesse ai militari. La donna ha anche impiegato una parte dei soldi sottratti al pensionato per comprare un'auto alla figlia 29enne, mezzo finito ora sotto sequestro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I precedenti

Nel curriculum della maga oltre alle denunce ci sono anche diverse condanne. A partire dal 1997, quando la donna fu condannata a tre mesi di reclusione per evasione. Nel 2006 il giudice per le indagini preliminari le aveva sospeso per due mesi l'attività di cartomante in attesa del rinvio a giudizio per circonvenzione di incapace, a cui sono seguite due condanne per un totale di 5 anni di carcere. Nel marzo 2010 l'arresto per lo stesso reato: stavolta la vittima era un 72enne adescato tra il 2009 e il 2010 a cui la truffatrice, con il consueto metodo, aveva rubato migliaia di euro. Nel 2013 la condanna definitiva a 3 anni e mezzo di carcere per truffa aggravata. L'ultima, fino alla denuncia di questa settimana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Violenta e lunga grandinata nel Padovano: chicchi grandi come noci e danni

  • Le acque del Bacchiglione restituiscono un corpo. Accanto l'auto abbandonata

  • Coronavirus, Navalesi: «In Veneto il virus è clinicamente morto, oggi il problema è sotto controllo»

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento