Ex hotel abbandonati e fatiscenti: controlli a tappeto contro il degrado

A Montegrotto carabinieri e polizia locale hanno organizzato un servizio di controllo in du celebri ex strutture alberghiere note per essere state rifugio di sbandati e criminali

I carabinieri davanti all'ex Bertha

Palazzoni dall'aspetto retrò, che negli anni sono state un fiore all'occhiello per la città termale. Di loro, dopo la chiusura, non resta che il gigantesco scheletro abbandonato. Il luogo ideale per sbandati e piccoli criminali in cerca di un rifugio.

Il controllo

Per scongiurare le cattive frequentazioni, anche in vista del boom turistico atteso in zona nei prossimi mesi, i carabinieri di Montegrotto e la polizia locale nella prima mattinata di giovedì hanno ispezionato Gli ex hotel Bertha e Monaco. Nonostante le transenne e gli sbarramenti in diverse occasioni le strutture della zona hanno segnalato la presenza di persone abusive. Stavolta gli attenti controlli in tutte le aree degli edifici non hanno portato al ritrovamento di persone all'interno.

L'iniziativa

Le verifiche si inseriscono in un più ampio programma per il contrasto dei fenomeni di degrado nel bacino termale, che in più occasioni ha visto passare al setaccio i grandi poli alberghieri in disuso. Le strutture mastodontiche, spesso molto alte, sono talvolta anche teatro di gesti estremi, come successo pochi giorni fa a Cittadella dove i militari hanno sventato il suicidio di un ventenne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cani e proprietari: emergenza Coronavirus, come comportarsi col proprio animale

  • Michele, con la famiglia in isolamento per senso di comunità

  • Live - Coronavirus: morto Adriano Trevisan, altri 9 casi accertati a Vo'. Università chiuse

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: nuovi casi in provincia, negativo il tampone del presunto "paziente zero". Scuole, università, uffici chiusi

  • Coronavirus, c'è un contagiato a Vigodarzere. É uno degli infettati a Dolo

  • Due contagiati nel comune di Saccolongo: a scriverlo il sindaco su Facebook

Torna su
PadovaOggi è in caricamento