Coronavirus, Zaia: «Si tornerà alla normalità, ma gradualmente. Non abbassiamo la guardia»

Spiega il presidente della Regione Veneto durante il consueto punto stampa: «La partita del turismo per quest'anno è già persa purtroppo, perdiamo 18 miliardi di euro di fatturato ed è la prima azienda del Veneto»

Luca Zaia

«Col servizio telefonico "InOltre" abbiamo ricevuto nei primi dieci giorni 1.680 chiamate con 650 colloqui psicologici. Ribadisco che questa è la settimana cruciale, perché il tema delle restrizioni ci permette di essere in vantaggio di cinque giorni rispetto al modello matematico, e il mio ringraziamento va ai veneti. Sto preparando un'ordinanza per vedere se riesco ad allungare le restrizioni, anche perché il picco è programmato per il 15 aprile, lo ricordo. Stiamo valutando anche altre misure, non solo i mercati. Farei anch'io un'ordinanza che consenta di uscire da casa solo con le mascherine addosso, ma bisogna prima avere la possibilità di garantirle davvero a tutti. Siamo focalizzati sul tema delle case di riposo, stiamo continuando a testare gli ospiti e gli operatori. Abbiamo parlato in videoconferenza col rettore Rizzuto dell'Università di Padova dandoci il suo appoggio per gli aiuti alle case di riposo. Questa mattina abbiamo chiuso il nuovo piano di sanità pubblica, che rimette in asse le attività operative anche alla luce dell'attuale situazione. Entro il quinto giorno facciamo un test a tutti coloro che sono a casa malati e siamo autorizzati a fare le infusioni di idrossiclorochina a casa per ridurre le ospedalizzazioni nel limite del possibile. Potessimo riavvolgere i nastri la prima cosa da fare sarebbe stata quella di isolare preventivamente tutti gli Over 70. Fino a 10-15 giorni fa c'era il panico sul tema delle mascherine. Faccio un appello ai supermercati e alle farmacie: comprate in blocco le mascherine chirurgiche e mettetele in vendita per i cittadini, perché è fondamentale che possano approvvigionarsi. Si tornerà alla normalità con gradualità. La Germania stanzierà 550 miliardi di euro, quindi 400 milioni di euro non bastano. Dev'essere in catalessi l'Europa, se c'è batta un colpo. La partita del turismo per quest'anno è già persa purtroppo, perdiamo 18 miliardi di euro di fatturato ed è la prima azienda del Veneto»: queste le dichiarazioni rilasciate da Luca Zaia, Governatore del Veneto, durante il consueto punto stampa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Impatto violento tra la sua bici e un'auto: bambino di 9 anni elitrasportato d'urgenza in ospedale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento