Shock in reparto: paziente in crisi psicotica terrorizza degenti e infermieri con gli estintori

Attimi di tensione a Medicina generale, dove uno dei ricoverati ha dato di matto, colpendo i muri e svuotando i congegni antincendio, rendendo necessario l'arrivo della polizia

Pazienti comprensibilmente scioccati e personale sanitario terrorizzato per un uomo che ha fatto vivere minuti di terrore a un intero reparto dell'ospedale cittadino. Solo l'intervento della polizia è riuscito a placarlo.

Un momento di follia

Erano le 22.30 di una normale serata nel reparto di Medicina generale del monoblocco dell'azienda ospedaliera, quando all'improvviso un paziente ha perso la testa. Si è alzato di scatto dal proprio letto, dove era stato sistemato dopo il ricovero poche ore prima, e in preda a una crisi psicotica ha riempito di pugni i muri e le finestre della stanza.

I soccorsi

Terrorizzati gli altri occupanti, che sono stati subito trasferiti altrove dagli infermieri. Incapaci di tranquillizzare il 51enne romeno, hanno chiesto l'intervento della polizia, che arrivando in reparto ha trovato l'uomo in corsia, intento a svuotare a terra e sulle pareti il contenuto di due estintori appena staccati dal muro. Tra le urla, gli agenti sono riusciti a bloccarlo fino all'arrivo dei medici che lo hanno sedato. Tornata la calma e tranquillizzati i degenti, i sanitari dovranno ora valutare come procedere nei confronti del ricoverato, anche se fortunatamente nessuno si è fatto male.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Tragedia al Portello: dalle acque del Piovego affiora un cadavere

  • Le case vecchie invendute diventano splendide abitazioni ristrutturate. A costo 0

Torna su
PadovaOggi è in caricamento