Pagato per trasportare mobili e attrezzi in Marocco, ma sparisce a metà dell'opera: scatta la denuncia

Per appropriazione indebita, ai danni di un 36enne marocchino: era stato "ingaggiato" da un connazionale in cambio di 1.200 euro, ma una volta giunto a destinazione ha consegnato solo una parte del carico

Vatti a fidare degli amici... D.M., 36enne marocchino senza fissa dimora, è stato denunciato da un connazionale ai carabinieri di Piombino Dese per appropriazione indebita.

Appropriazione indebita

Tutto ha inizio a settembre 2018, quando un marocchino di 50 anni chiede al connazionale di trasportare nel loro paese natale alcuni mobili e attrezzi in cambio di un compenso di 1.200 euro. Il 36enne accetta e compie il lavoro, ma a metà: dopo aver consegnato una piccola parte delle masserizie, infatti, scompare nel nulla e si rende irreperibile. Fino a inizio 2019, quando è stato rintracciato e denunciato.

Percosse

E non è l'unica operazione condotta dai carabinieri di Piombino Dese, i quali hanno denunciato per percosse (al culmine di una lunga indagine) C.M., 45enne tunisino residente nel medesimo comune resosi responsabile il 4 ottobre 2018 di un pestaggio ai danni di un connazionale di 27 anni per futili motivi di natura condominiale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento